Poesie di Antonio Dati

Pensionato, nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Antonio Dati
A M O R E
cinque lettere
da sole vuote
semplici segni.
Unite in uno abbraccio
una esplosione di gioia
un brivido lungo la schiena.
Sensazione meravigliosa
leggero come farfalla
ti abbandoni.
Sogni dolci carezze
baci appassionati
cuori all'unisono
battiti crescendi.
Il cielo la luna
la terra tappezzata
fiori nascenti,
appena sbocciati
petali di tanti colori.
Il tempo immobile
complice il creato
voli in alto, sempre di più
amore infinito
amore per sempre.
Antonio Dati
Composta giovedì 20 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Dati
    Il dono della parola
    dare voce ai sentimenti
    alla parola alle passioni nascoste
    la gioia di esprimere.
    Suoni che vibrano nella mente,
    suoni melodiosi e appaganti.
    Ogni sillaba è un tocco
    sulla tastiera di un piano,
    ancora una sillaba,
    ancora una nota.
    Ogni sillaba è il preludio
    di quella successiva
    una nuova sillaba.
    La parola è composta.
    La gioia di gridare
    complice una musica
    tentatrice... ti amo...
    Antonio Dati
    Composta venerdì 7 agosto 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Dati
      Porta nel tuo cuore
      un sorriso
      Porta nel tuo cuore
      un raggio di sole
      Conserva nel tuo cuore
      la speranza
      Conserva nel tuo cuore
      l'amore
      Rivivi nel sogno
      la passione
      Rivivi nel sogno
      le dolci carezze
      Apri gli occhi
      al nuovo giorno
      Fatti baciare dall'olezzo
      del mattino
      Inebriati al profumo
      della primavera
      Corri nel bosco a piedi nudi
      bagnato di rugiada
      Ascolta il dolce cinguettio
      degli uccelli
      Libera la mente
      dai desideri nascosti
      Donati a colui che da te
      attinge la gioia di vivere.
      Antonio Dati
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Dati

        Ricordi di un adolescente

        Eri dolce e sorridente
        eri desiderata e attraente
        a testa bassa sentivi
        gli sguardi, come spilli
        penetranti e passionali.

        Il corpo fremente
        palpiti d'amore nascente
        l'aria olezza di te
        profumi di viole intense.

        Ituoi riccioli d'oro
        accarezzati dal vento
        il passo leggero
        il cammino armonioso
        ondeggia al suono
        melodioso d'un violino.

        Le guance arrossate
        occhiate allusive
        piccole carezze sfiorate
        un sorriso innocente.

        Mille e mille pensieri
        quanta tenerezza in quei baci
        arrestare il tempo crudele
        vivere l'eterno amore.

        Ma, qualcuno lassù
        non ha gradito tanta
        purezza e tanta felicità.
        Ha voluto per sé ciò
        che di bello è stato creato.
        Antonio Dati
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di