Scritta da: Silvana Stremiz
Sono una pianta, privata della sua linfa
Sono come una talpa, privata dell'olfatto
L'amore rende ciechi, incapaci di percepire
di accorgersi che vivi di un sole che non sorge per te
quando basterebbe un raggio, ad accendere la vita sul tuo viso
però il sole, o lo prendi tutto o non ti abbronzi, non esistono mezze vie,
quando si ama sei nudo senza costume... quando si ama non si è + se stessi
siamo marionette, appesi ai fili del destino,
se son rose fioriranno, dammi la mia linfa, senza di te non vivo.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    L'amore è vita

    Che vita sarebbe senza amore?
    L'amore puo condurre alla follia,
    ma una vita senza senso
    è la tortura dell'inquietudine
    e del vano desiderio del perdono
    che nutre la mia vogliosa anima,
    è come una barca
    che desidera ardentemente il mare,
    eppure lo teme.
    Come posso scappare?
    ... non saprei rispondere...
    cio che posso fare
    per trasmettere certezza al tuo cuore
    è solo una goccia sull'oceano,
    ma è cio che da significato alla vita.
    Ti parlo con un pizzico di zucchero,
    amore,
    e ho ascoltato con un grano di sale
    tutto cio che mi hai detto.
    Anke se sono in torto,
    non devo sigillare
    in goccie di cristallo
    parole di affetto e tenerezza
    per riconquistare l amore perduto,
    ma devo riempire la sua vita
    con la mia natale dolcezza
    finche egli mi ascolta.
    L'amore sei tu ed è vita,
    e la vita è come un fiore...
    se il fiore è stato calpestato
    è difficile farlo risorgere,
    ma il mio nobile animo
    potra mettere un pizzico
    di nutrimento e speranza...
    Di una cosa sono certa...
    la vita è un dono inalienabile,
    cioè indivisibile e inestimabile,
    come lo sei tu, amore mio.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Sentirsi sfiorare senza mai toccarti,
      provare emozioni e forti sensazioni,
      percepire la presenza di qualcuno
      o di qualcosa
      che ti fa sentir sicuro di te stesso
      e di ciò che ti circonda.
      Essere sereno sentirsi in pace con te
      e con chi ti sta vicino,
      respirare l'aria perché la senti
      e riuscire a gustare il suo sapore.
      Guardare il cielo con i suoi colori
      e sorridere alla vita,
      non succede tutti i giorni.
      Ringraziare chi ti ha mandato
      su questa terra solo perché
      c'è chi non ti fa sentire
      figlio di nessuno.
      Tu che sei la luce
      che precede la mia ombra,
      riuscendo a far risplendere
      anche il mio angolo più buio.
      Tu che non ti presenti mai a nessuno,
      che ti nascondi
      e vien fuori quando tutti
      si abbandonano al sonno della notte.
      Tu che sei come un bambino
      innamorato della mamma
      e che aspetta che lei si addormenti
      per fargli una carezza.
      Sarebbe troppo bello
      poterti restituire un po' d'affetto,
      ma non soltanto con una preghiera.
      Toccherei il cielo con un dito
      e vivrei la mia vita in un sol momento,
      basterebbe che tu mi dessi la tua mano
      e che per un solo istante, potrei essere io
      il tuo angelo custode.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di