Scritta da: Nadia OOO

Danza di fuoco

Mi trascino
in punta di piedi
dove emergono
le mie parole
dove mi abbandono
nell'incanto
di danze carnali
dove i tuoi occhi
seguono i miei movimenti
nel sfiorarti
nel toccarti
preparandoti
al mio tocco
si! Preparare
la tua anima
e la tua pelle
al mio fuoco

Io... forza ribelle
di un fuoco che arde
dove tu... non puoi domarmi
sono il più maestoso
dei tuoi fuochi
dove tu stesso
brucerai
nel desiderio
di avermi
anche solo per un'istante.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Gli arcangeli non giocano a flipper, ma gli angeli giocano al pacman

    Anche di notte
    come eclettici artisti le nuvole
    forgiano forme nel cielo
    per ispirare gl'insonni poeti.
    Ridisegnata da due piccoli
    e assai bizzarri nembetti scuri,
    la luna sembra un pacman.
    Giocano la notte gli angeli
    a scacciare i fantasmi
    dai sogni della gente
    fagocitando stelle
    tra i labirinti zodiacali.
    All'indomani, esausti
    delle scorribande notturne,
    li possiamo scorgere appollaiati
    sui fili tesi del sole
    con le ali abbassate
    a vigilare.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      L'anziana signora coi canuti capelli
      ordinati alla nuca
      aspetta, in coda
      allo sportello postale
      col suo cappotto verde bottiglia
      e la pelliccetta di coniglio spelacchiato.
      Aspetta, in coda
      di riscuotere la pensione di reversibilità
      col suo cappotto rivoltato
      come una bottiglia verde
      messa a scolare.
      Aspetto anch'io, in coda,
      col mio cardigan leggero
      e i capelli colorati
      d'improbabile giovinezza,
      aspetto, in coda allo sportello
      di pagare i miei gravami.
      Da giovani non si ha mai freddo
      - dice guardandomi
      e soffiandosi il naso –
      mentre un forte odore
      dalle sue tasche esala.
      Sento un brivido alla schiena
      e mi sovviene il pensiero dell'inverno.
      Riconosco il profumo,
      lo stesso, ogni anno.
      Il profumo della naftalina
      che le anziane signore
      mettono ancora nelle tasche
      dei cappotti rivoltati
      color verde bottiglia.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di