Scritta da: Edoardo Grimoldi
Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia hawaiana.
Le tue vacanze sono turche,
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare al tuo vicino
di essere straniero.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Il mio zahir

    So che tu non mi ami ma io continuo ad amarti,
    ti amo quando soffro,
    quando mi illudo,
    quando bagno il mio cuscino di lacrime,
    ti amo quando so che è inutile sognarti!
    Ancora una volta mi ritrovo a scrivere per te,
    a piangere per te,
    in questo momento stai baciando un'altra,
    e ti muovi in abbraccio che non sarà mai più il mio.
    Vorrei tanto dimenticarti.
    E quando sembra
    che sono quasi arrivata a cancellarti
    completamente dal mio cuore,
    basta un tuo sguardo,
    una tua parola
    per far riaffiorare
    tutto quello che provo per te.
    Sembri marchiato a fuoco sulla mia anima
    che mai aveva sofferto tanto
    quanto in questo momento.
    Provo a convincermi che ti odio
    ma in realtà non è così
    ti odio per non amarti!
    Mai leggerai queste mie parole
    e mai saprai quello che provo
    e quello che sei stato per me
    Sarai sempre convinto che svanirà
    o forse per te già è svanito,
    perché magari per te non sono stata niente...
    Anche se un giorno m'innamorassi di un altro
    sono sicura che tu sarai sempre nel mio cuore
    e niente ti potrà cancellare perché
    ti voglio troppo bene.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di