Scritta da: NikkiPinki
Se ti chiedo
un bacio
tu
cosa mi dici?
L'altalena potrebbe piacermi...
e potrebbe piacere anche a te.
Se si unisse
il bianco e il blu...
Se i baci diventassero trecentotrentatré
e ci facesse compagnia
una notte di marzo...
Le ore potrebbero fermarsi.

E se le mani
curiose
decidono di disegnare...
tu
cosa fai?
Il freddo potrebbe mischiarsi al caldo...
e il bianco si unirebbe al blu
di nuovo...
E se i corpi
si muovono da soli...
Il mio balla sul tuo...
tu
cosa mi dici?
Il ghiaccio potrebbe sciogliersi...
potrei dissetarmi.
E l'Anima mia
ruberebbe la tua.

E se alla fine
tu
mi chiedessi un bacio
io
cosa faccio?
Le bocche sarebbero vicine
e le lingue potrebbero parlare...
Potrei stare ad un centimetro
da te...
e sentirti respirare...
Nel frattempo
si gela.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: NikkiPinki

    Su un'isola

    Sopra un'isola
    della mia mente
    vorrei portarti...
    dove tutto gira all'inverso...
    dove le parole sono importanti
    e i silenzi di più.
    Dove ci si capisce
    guardandosi negli occhi...
    e si ride stando a testa in giù.
    Dove puoi volare, anche se non hai le ali
    dove l'acqua è trasparente davvero...
    e le caprette ti fanno "Ciao"...
    dove i prati sono sempre in fiore
    e le rose son solo blu...
    dove le Anime e i Manga
    sono biscotti da mangiare...
    e il Festival di Sanremo si conduce da solo.
    Sopra un'isola
    della mia mente vorrei portarti...
    rubarti l'Anima...
    accarezzare la A,
    prendere tutto il miele
    e lasciare che si unisca alla mia
    colorare con le labbra
    il rosa della pelle,
    contare con le dita della mano...
    e perdersi nella matematica dei nei.
    Guardarsi negli occhi e volersi di più
    averti tra le mie gambe... e non saziarmi mai
    fermare gli attimi... in un respiro.
    E lì dove tutto gira all'inverso,
    dove si sorride a testa in giù,
    altre due anime si sono amate,
    lì... capita spesso.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta

      Anna

      Anna,
      come la luce di un mattino inaspettato
      che filtra sicura
      attraverso ogni apertura sul mondo,
      così è il tuo sorriso
      così si presenta ai miei occhi la tua dolcezza.

      Anna,
      cascata gelida è la tua voce,
      risveglio dall'opaco tepore dell'ignoranza
      sono le tue parole;
      trovo la morte
      nelle tue risate
      troppo sincere per appartenere
      a quest'insensibile terra.

      Anna,
      soffro nel sentire il tuo profumo
      temo di vederlo aleggiare nell'aria
      come un tormentoso e incantevole fantasma
      durante la tua assenza.

      Anna,
      mantello di seta lucente
      i tuoi capelli
      si confondono
      giocano,
      con la meraviglia
      dei tuoi occhi castani.

      Anna,
      esiste ancora l'amore?
      Tu lo puoi saPere,
      libro di un piccolo mondo
      sei saetta,
      illuminami, fulminami!

      Anna,
      ti amo, forse.
      Anonimo
      Composta martedì 29 marzo 1994
      Vota la poesia: Commenta

        La pace che avevo

        La pace che avevo è andata via con te
        la forza è finita nel fiume dell'indifferenza
        il cuore annoiato, mi chiede di te

        ho di nuovo il niente intorno
        troppo spazio che non so colmare
        il tuo viso che non so cercare

        ho perso la gloria di un tempo
        quando portavo te sull'altare dell'amore
        oggi sono un finto guerriero

        troppo stanco per lottare
        che ha promesso di riposare
        in attesa di vederti tornare.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta

          Se un giorno

          Se un giorno non potrò pronunciare il tuo nome
          Sarà perché sono diventato muto.
          Se non riconoscerò il tuo volto
          Sarà perché sono diventato cieco
          Se non sentirò la tua voce
          Sarà perché sono diventato sordo
          Ma anche se muto, cieco e sordo
          Il mio cuore si accorgerà di te
          Parlerà, ascolterà e vedrà
          E sentirai l'amore sgorgare
          Come una sorgente d'acqua pura
          Diverrà un ruscello, un torrente e poi un fiume
          Che strariperà nel mare immenso
          Come il mio amore.
          Anonimo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di