Scritta da: Anonimo Anonimo

Ciò che non potrò mai avere

E vorresti stare sola a pensare
senza dare troppa importanza a ciò che ti dice la gente...
eppure le parole che ancor non si son dette
già risuonano nella tua mente facendoti impazzire...
e ciò che si è detto o che ti hanno detto ti rendono debole
facendoti riflettere su cose impensabili di cui prima non te ne importava niente...
e stai li immobile cercando in qualche modo di svegliarti
sperando che tutto questo sia solo un sogno
ma invece no, è la pura realtà
e cerchi con tutte le forze di far finta che nella tua vita non manchi niente
solo per rendere le tue giornate più semplici e migliori.

Ma come fare? Qual è la soluzione?
Io non l'ho ancora trovata
perché mi dai il tormento in ogni istante della mia vita
pensando a quei sentimenti che tu non proverai mai per me...
e mi sforzo di pensare a vari attimi di noi due
che so per certo che non si avvereranno mai...
eppure tutto sembra così reale... così vivo
che i miei pensieri mi illudono di cose che non potrò mai avere.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Se Questo è...

    Ti amo, ma ti odio allo stesso tempo.

    Spiegami.
    Come è possibile volere i baci,
    ma anche la morte di una persona.

    Avere i brividi quando ti guarda,
    quando ti sfiora,
    quando respiri la sua stessa aria.
    Un incantesimo che avvolge.
    Dolce profumo che circonda i vostri corpi, come tante scintille.
    E quando lo sogni, avere nel cuore uno strano calore,
    che ti fa capire di essere il protagonista dei pensieri dell'altro.
    Avere una sensazione di assoluta completezza.
    Ti senti in pace.
    Sentire in corpo quella flebile fiamma dorata, procura una febbre piacevole.

    Ridete al solo pensiero della vostra malattia.
    Vedete formarsi davanti ai vostri occhi il suo viso.
    Perfetto in ogni dettaglio.
    Poi vi voltate per osservarlo, ed allora la massima felicità.
    Incontrate i suoi occhi.
    Velati da una malcelata sorpresa nel vedervi voltata.
    Poi la dolcezza, unita ad uno strano tremito, si impossessa di voi.
    Abbassate entrambi lo sguardo.
    Non riuscite più a resistere al sentimento che trasuda dai vostri corpi, ormai palpabile nell'aria, come una brezza profumata.
    Procura una strana sensazione, vedere la propria mano tremare e sudare.
    Le tenete contro il ventre, per nascondere la realtà e l'evidenza.
    Vi sforzate a non voltarvi nuovamente, ma non resisterete a lungo.

    Se questo è l'amore.
    Il sogno, lo sguardo, la felicità, il sentimento.

    §§§

    Poi svanisce.
    In quel vento profumato che lo aveva tratto a voi.
    Il cuore più vuoto.
    Un peso che manca.
    Un peso di cui si sente la mancanza.
    Gli sguardi assenti.
    La felicità sparita.
    In una nuvola di fumo, veloce nel vento.
    Ti volti, sperando di incontrarlo, priva di speranze.
    Il vostro appuntamento mancato.
    La lontananza di un abbraccio che non sentirete più.
    Proprio allora.
    Quando la realtà sostituirà il vostro mondo di sogni.

    Ne è valsa la pena?

    Vedere i vostri sentimenti sfaldarsi.
    Raggrinzirsi.
    Infrangersi.
    Sentimenti profondi.
    Che vi hanno fatto ridere e piangere.
    Sentimenti pesanti.
    Allora vi apparirà

    Se questo è l'odio.
    Il sogno, lo sguardo, la felicità, il sentimento.
    Il vuoto, la mancanza, il vento, le speranze.
    Tutto ciò che amate, odierete.
    Con la stessa intensità e sentimento.
    Amerete il vostro odio.
    Odierete il vostro amore.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      Giornate strane passano
      Alla velocità della luce.
      Jogging al parco.
      Una città che si rialza.
      Un'amica innamorata.
      Un telefono che squilla
      e una sorella incinta.
      Tra carillon e luci soffuse
      aspetto ancora fragole da mangiare
      le stesse di mesi fa.
      Chiuso!
      Con te avevo chiuso.
      Lo avevi detto anche tu. Solo tu.
      Ed io
      arrogante ed orgogliosa
      sono partita.
      Due mesi.
      Per te una nuova primavera. Forse!
      Oppure letti caldi in cui dormire.
      Ora:
      Sei tornato.
      Sabato.
      Sei tornato.
      E come se non fosse successo nulla
      come se due mesi fossero due giorni
      attendi le mie labbra...
      ed io?
      Io
      ancora
      attendo
      le
      tue.
      (e com'era? Cosa ti ho detto?
      Riferisci... o meglio ancora
      fottitene di lei, se c'è fottitene...
      e pensa a quello che possiamo fare!)
      Bene.
      Lo hai fatto.
      Ed io con te!
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: NikkiPinki
        Non chiedermi come sto...
        perché stanotte ho il buio dentro.
        Un buio fatto di castelli neri.
        Ritorna Jeff in questa serata strana
        Eppure un'ora fa ridevo.
        Eppure un'ora fa speravo ancora.
        E ritiro! Ritiro ciò che ti ho detto...
        Ritiro quello che ti farei.
        Ritiro la passione che ho per te...
        E mentre ieri avevo deciso
        ti volevo ancora qui con me...
        ora affondi tu e la tua voce del cazzo.
        E non mi chiedere perché.
        Una stronza lo sa.
        Ed ora anch'io.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di