Scritta da: Eliza Mckein

Ricordo

Ti ricordo come un raggio di sole che riscalda il mare;
ti ricordo come il vento, pronto a scatenare tempesta;
ti ricordo come il cielo nuvoloso, ma pronto a tornare sereno;
ti ricordo come il mare agitato, ma immenso;
ti ricordo come un sorriso che non smetteva mai di sparire;
ma il mio ricordo più temuto è quando sono dovuta venire lì, in quella chiesa piena di tristezza... il mio dolore era tale da poter distruggere ogni cosa... sei stato, sei e sarai per sempre uno dei miei ricordi più dolci e pieni di vita... non ti dimenticherò mai.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulia Girardi
    Voglio fuggire via con te
    lontano da questo mondo materiale
    dove non si sa mai cosa fare
    dove non si sa mai a cosa credere.
    Voglio evadere queste regole perpetue ed oppressive.
    Voglio percorrere strade senza fine,
    boschi senza limiti, spazi infiniti.
    Camminerò e volerò con te,
    io e te soli con le nostre illusioni,
    coi nostri pensieri, coi nostri amori.
    Il tempo perderà i suoi valori
    neutralizzando i nostri dolori.
    Tutti gli Dei saranno invidiosi,
    anche gli angeli vorranno seguirci
    oramai stanchi del loro paradiso.
    Ci scambieremo parole d'amore,
    l'atmosfera si tingerà di ogni colore
    ed anche i fiori impareranno a fare l'amore.
    Ma anche se tutto questo è finto
    sarà bellissimo questo sogno infinito.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franca Franima

      Un piccolo cuore

      Conservo un piccolo cuore,
      lo tengo nascosto dentro due porticine di vetro,
      e quando il mio cuore più grande
      si abbandona un po'
      lo lascio uscire.

      È un piccolo cuore di bambina
      cresciuta troppo in fretta.
      È un piccolo cuore che batte
      più forte degli altri
      e che ascolta.

      Sa darti emozioni che i grandi non conoscono più,
      e soffre, e ride, e gioca,
      e scherza con me, mi sorride.
      Io cerco di farmi piccina, ci provo
      ed ascolto.

      E allora comincia la giostra,
      risento le voci e le grida,
      rivedo i miei giochi, le strade e le case più grandi,
      rivedo te
      dolce e morbida e allora mi tuffo
      e risento il profumo,
      assaporo e risento il calore,
      mi scaldo e vedo le tue braccia attorno a me,
      la tua voce che mi culla
      e mi sento felice.

      Sto lì, sperando che il buio non arrivi,
      ma torna il mio cuore più grande, torna,
      si chiudono le porte
      e la tristezza mi prende.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di