Notte senza fine

Pioggia sulle mie lacrime
di un'infanzia senza nuvole
gioventù senza più regole
raccolgo le briociole
di affetto prematuro
gioventù senza futuro
resto nel mio limite
del tutto imprescindibile
ego calpestabile
un amore esile
un'umiltà ormai debole
e tenue...
cresce il mio pensier
di rimanere libero
lontano da ogni stimolo.
Anonimo
Composta lunedì 2 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di