Poesie di Alfonso Trivisonne

Autore, nato sabato 6 settembre 1975 a Lucera (FG) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Alfonso Trivisonne

Una in mezzo a tante

È vero,
c'è un destino che segna il cielo
come ci fosse sempre l'arcobaleno,
sfidando le gioie e pure il tuo veleno.
È così,
c'è la vita e c'è un sentiero
che percorri mano a mano
con chi t'ama o chi ami invano.
È vero,
c'è un passato che non si vende e non si compra
ma ovunque sei,
ti segue come un'ombra.
È così,
non si dimentica il presente,
ma questo vale per te
e per tutta l'altra gente.
Non è più così pesante,
ora che non sei così importante.
Sentimento più distante
ora che sei una in mezzo a tante.
Alfonso Trivisonne
Composta mercoledì 15 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alfonso Trivisonne

    Notte prima di Natale

    È tutto fermo,
    l'aria è serena,
    pensa alla vita e girati di schiena!
    È tutto in silenzio,
    le stelle e il ghiaccio
    con te in un unico timido abbraccio.
    La strada luccica
    in questa notte gelida
    perché è l'unica
    e perciò non si dimentica!
    Quando racconti di questa notte
    parla d'angeli e di vento sotto le porte,
    che portano il bene,
    che stringono le vene
    e per una volta non pensi a ciò che ti conviene!
    Alfonso Trivisonne
    Composta venerdì 24 dicembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alfonso Trivisonne

      Dopo tutto è Natale

      È finito anche l'autunno,
      perdendo poco a poco tutti quei gesti,
      nel muoversi dopo così tanto
      tra questi alberi nel lago riflessi.

      Sempre, ogni anno gli stessi,
      su questa via nell'imbrunire invernale
      presi a inchinarsi dove ti volevi sempre fermare
      cercando qualcosa ancora da guardare!

      Costeggiano il viale,
      ornano il cielo terso,
      il mio sguardo è alto
      e nudo son io che li passo attraverso.

      Nudo nell'anima mia
      che si specchia in quest'acqua e timida aspetta
      il lungo incedere del tempo infame
      calpestando i ricordi e questo esausto fogliame.

      In fondo, nel bene e nel male,
      abbasso gli occhi,
      dopo tutto...
      ... è Natale.
      Alfonso Trivisonne
      Composta sabato 4 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di