Accadrà

Mi presenterò a te
solo quando indosserò l'abito puro della ricorrenza,
quando avrò il cuore con la pace piena,
il peggio alle spalle,
lontano,
mi presenterò a te solo quando potrò prenderti per mano, abbracciarti,
dirti,
dirmi,
dirci che è tutto finito,
tutto ricomincia,
ma c'è questa enorme male su di me,
sulla mia vita,
un temporale ogni giorno,
un incubo ogni notte,
e la speranza ormai non esiste più,
forse sarai tu un giorno a presentarti a me,
con abiti normali,
guardandomi,
in basso senza che io ti possa vedere.
Alexandre Cuissardes
Composta mercoledì 23 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta

    Tu ci sarai

    Leggila fra 20 anni la mia verità,
    la verità,
    la lettera che spiega tutto,
    la lettera del tempo trascorso.
    la carta aspetta,
    riporta, trattiene e tace,
    leggila fra 20 anni,
    leggimi fra 20 anni,
    quando il fuoco di adesso sarà solo fumo leggero,
    tiepida nebbia,
    ed io sarò un nome scritto da qualche parte ed una firma su quei fogli.
    Alexandre Cuissardes
    Composta mercoledì 23 novembre 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Il vino benedetto

      Le guerre si sono riunite in un luogo segreto,
      cercano generali disposti a guidare le nuove sventure,
      il nuovo grande macello,
      sanno perfettamente che in troppi non aspettano altro.

      Un prete ormai dalle poche forze dice cose che forse è stanco di dire,
      si vocifera che crede e spiega ormai per abitudine ma del resto ognuno sente ed intende ciò che vuole,
      le mani giunte si sorreggono a vicenda e sorreggono i corpi di anziani fedeli,
      il cielo è sempre scuro,
      si è fermato all'inverno oppure è arrivato dai paesi del nord.

      Le chiese sono aperte per l'aperitivo serale,
      si raccomandano parole leggere ed un contegno civile,
      il vino ed i liquori sono fatti dai monaci bianchi,
      la birra è dei frati trappisti,
      la musica è organo rock,
      suonano i procol harum,
      a volume discreto,
      è tutto a libera offerta,
      il nero è gradito.
      I fedeli abituali hanno le mani giunte,
      sanno che è una messa cantata,
      molto affollata.
      Alexandre Cuissardes
      Composta domenica 20 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di