27 dicembre 1990

Il mio corpo è la macchina della quale non conosco ne le esigenze,
ne il consumo e l'autonomia.

Lo metto in moto ogni mattina senza chiedergli se ha voglia o no di partire.

A volte pretendo che viaggi anche se non sono in grado di guidare,
gli chiedo di non riposare e di essere pronto a ripartire.

Non ricordo quando lo comprai ne quanto mi costò,
so che non varrà niente quando cercherò di ridarlo indietro.
Alexandre Cuissardes
Composta lunedì 23 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di