Scritta da: Alex

La quercia

Una vecchia quercia
sradicata dal vento
si era accasciata
senza un lamento.
Guardava le altre
dall'alto in basso
ma adesso giaceva
ai piedi di un masso.
Dai rami donava
ombra foglie e ghiande
e di tutte le piante
era la più grande.
Ma in pochi minuti
una tromba d'aria
ha distrutto
una bellezza centenaria.
Vederla abbattuta
come un gigante morente
è una cosa che non
può lasciar indifferente.
Così distesa in orizzontale
diventerà legna da bruciare
perché mani sapienti
la sezioneranno
per riscaldare
i mesi freddi dell'anno.
Alex Pramix
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alex

    La notte

    Seduto in un angolo
    attendo l'avvicinarsi della notte
    mentre sento il cuore pulsarmi nelle tempie
    mille pensieri si rincorrono senza sosta
    trascinandomi lentamente dentro una realtà virtuale
    faccio un sospiro poi un altro socchiudo gli occhi e...
    di colpo il passato non mi tormenta più
    il presente mi rassicura
    il futuro fa meno paura
    intanto il buio continua ad avanzare e come una coperta
    mi avvolge delicatamente
    facendo sparire tutti quei colori che la luce ogni giorno dipinge ai miei occhi.
    ora faccio parte anch'io dell'oscurità
    guardo quello spicchio di luna
    e mi domando se anche tu
    da un altro luogo
    stai avendo gli stessi miei pensieri.
    Alex Pramix
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di