Scritta da: Alberto

Beata Pioggia

Pioggia,
scende sulle strade,
sui lampioni e sui tetti,
picchia sugli innocui tavolini
dimenticati all'aperto,
tutto sembra triste,
il mondo è deserto.
Pioggia,
continua a scendere instancabile
nulla può fermarla,
indispensabile e letale,
pacifica e triste,
bella e innocente.
Pioggia,
tanto detestata dagli amanti delle feste,
portatrice di tristezza e solitudine,
ma da me adorata.
Scendi e lava la mia vita passata
cancella i miei errori
e donami un domani nuovo,
regalami nuova vita.
Alberto Reineri
Composta lunedì 7 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di