Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Grazie Dio

Grazie Dio per avermi dato la vita
Grazie Dio per avermi dato la mamma
Grazie Dio per avermi dato la famiglia
Grazie Dio per avermi dato la maternità
Grazie Dio per avermi dato i figli
Grazie Dio per avermi fatto sentire il nome mamma
Grazie Dio per avermi dato la forza
Grazie Dio per avermi regalato il dono dell'abilità
Grazie Dio per avermi dato il coraggio
Grazie Dio per avermi dato la forza di vivere
Grazie Dio per avermi dato la forza di sopravvivere
Grazie Dio per avermi dato tanto
Grazie Dio per avermi dato tutto
Grazie Dio per avermi fatto sentire oggi il tuo regalo che è la mia vita.
Ada Roggio
Composta giovedì 18 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Riflessioni

    Sono qui,
    sola,
    in queste mura,
    dove nessuno, dove niente
    Nessuno può sapere,
    capire
    Niente può, o deve uscire
    Regina della mia abilità
    finita,
    per colpa della mia fragilità
    Affettiva, e non solo
    Regina di regno incantato
    dove tutto appare soleggiato
    Finito in un torbido squallore
    non ha più forma
    non ha più valore
    Qui dinanzi, a questo schermo
    parlo di me
    definita,
    un essere non più degno
    Poveri cuori a cui voglio bene
    non voglio darvi altre pene
    credo sia giusto
    non tentare, mi farei, vi farei, altro male
    Solo al pensiero
    non ho più respiro,
    figurati se tento...
    Ogni giorno sarà un tormento
    Mentre scrivo queste righe
    piangono i miei occhi
    sento più lenti i rintocchi
    Batte piano, batte lento
    Voglio solo andare via
    Questa non è più casa mia
    Mi volete cementare
    Non posso giurare
    Nel cuore c'è una grossa pena
    con intorno una catena
    Sanguina ogni giorno
    Io fingo che è un bel giorno
    Non mi fate più restare
    qui mi sento in alto mare
    i miei numerosi sbagli
    credo nei valori
    amo i loro cuori
    Ora zitti per pietà
    Non mi fate tornare la
    Ho paura di non sopportare
    Dove ho sentito tanto male.
    Ada Roggio
    Composta giovedì 18 giugno 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di