Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Ricordo

Mi stai uccidendo con il ricordo
Il ricordo mi serve per continuare
a sopravvivere con tutte le mie incertezze
i miei mille errori, mi aiutano a non voler più sbagliare
Il mio dolore vorrei condividerlo con te
affinché possa dal mio cuore sparire
tutto ciò che non mi fa più dormire.
Ada Roggio
Composta martedì 21 luglio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Non fidarti di nessuno

    Non fidarti di nessuno...
    Non mi fido più di nessuno
    Non mi fido nemmeno della mia stessa ombra
    Anche anni fa non mi fidavo di nessuno
    Poi un giorno
    Uno stramaledetto giorno
    Nel momento in cui avevo tanto dolore
    Dentro e fuori al mio cuore
    Incontrai il diavolo
    Il diavolo in persona
    Travestito da uomo
    Mi fidai, cambiai, sbagliai
    Caddi, sprofondai, mi annientai
    Diventai un fantoccio
    Irriconoscibile, agli occhi degli altri, ai miei occhi, e a quelli del mondo
    Milioni di volte, volevo lasciare quella mano
    Non mi lasciava andare via
    Mi teneva stretta
    Una mano di fuoco, incandescente
    Una mano che agli occhi della gente
    Avevo tutto ma in realtà non avevo niente
    Riuscì a svincolarmi come per magia
    Corsi via di li, andai via
    All'improvviso, in un istante
    Una mano che divenne acqua, cascata, fiume, oceano
    che ridiede ogni giorno senso alla mia vita, che senso non ne aveva più
    Milioni divennero i pensieri quelli di oggi, quelli di ieri
    Oggi non rivedo quella figura
    Quella donna era spaventata, sola, da aver paura
    Oggi ricucio quello che resta
    Un rattoppo qua, e la, senza fretta
    Di quel poco, e niente che mi rimane
    Un consiglio ti voglio dare
    Di nessuno ti devi fidare.
    Ada Roggio
    Composta venerdì 7 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Ricordo

      Ricordo... quando ero bambina.
      La notte della Befana, la mia mamma in silenzio infilava nella mia calza accostata al mio letto,
      caramelle, cioccolata
      Ero una bambina fortunata
      Ricordo... Ricordo... Ricordo ancora. Quell'amore si riceve da una persona sola
      La mamma
      Raccontava
      Che la notte la befana
      portava con se un diario,
      Ai bimbi buoni portava doni
      Ai bambini birichini solo carbone
      Io ricordo,
      Ne facevo di marachelle!.
      Una bambina birichina
      Che sognava ad occhi aperti
      Di diventare cantante o ballerina
      Una bambina sognatrice
      Sognava di fare l'attrice
      Una bambina sempre irrequieta
      Sognava di trovare un giorno la sua meta
      Una bambina tutto fare
      Le piaceva tanto sognare
      Un mondo di colori,
      Divideva con tutti i suoi doni
      Mi addormentavo sotto le coperte,
      Ero certa di ricevere solo carboni,
      a volte piangevo cercavo i doni
      Poi la mattina era una gran festa
      Promettevo alla mamma d'essere più buona
      Ma, alla sera ricominciavo con la stessa tiritera.
      Ada Roggio
      Composta mercoledì 6 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di