Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Figlio non rinnegare tua madre

Lacrime.
Lacrime di una madre.
Figlio non rinnegare tua madre.
Non rinnegare il tuo stesso sangue.
Lei che ti ha donato la vita a costo della sua stessa vita
Non rinnegare l'amore che ti ha donato
Rinnegando lei, rinneghi te stesso
Lei madre di chi lo ha rinnegato
Non sarà così liberata la tua anima
Rinnegando lei, rinneghi la tua stessa vita
Ama tua madre come lui ama la sua
Non rinnegare tua madre, lei che ti ha insegnato a camminare a vivere bene
Rinnegare tua madre, una menzogna sulle tue labbra
Il Comandamento "Onora tuo padre e tua madre"
Figlio non rinnegare tua madre
Tu che vorresti ritornare nel suo grembo e nascere una seconda volta
Non rinnegare quanto tu hai vissuto, le tue paure, le tue gioie.
Tua madre è li che aspetta, non si potrà mai arrendere a questo immenso dolore
Non aspettare che lei un giorno muoia, per gettare le braccia intorno al collo, e gridarle il tuo amore
Figlio ama tua madre.
Ada Roggio
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Grazie Signore

    Grazie Signore,
    perché nel mondo ci sono persone Speciali.
    Speciali, perché infondono sicurezza.
    Speciali, perché danno importanza ai valori della vita.
    Speciali, perché riescono a... contare fino a dieci.
    Speciali, perché restano umili.
    Speciali, perché danno coraggio.
    Speciali, perché ti fanno sentire viva.
    Speciali, perché riescono a conoscerti nel profondo,
    senza averti mai incontrata.
    Speciali, perché invitano a guardarti dinanzi a uno specchio,
    e a fare quattro chiacchiere con te stessa
    e finalmente riesci a dirti "io valgo".
    Speciali, perché hanno un animo buono.
    Speciali, perché sono "Speciali".
    Grazie Signore.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Rifletto

      Un attimo rifletto,
      rifletto.
      Quanti danni ha realizzato il re denaro.
      E quanti ancora ne causerà
      Io non mi sto preoccupando del futuro, ma del presente
      Il presente un fiume in piena di problematiche irrisolte
      Il presente, l'oggi, il vivere così disordinatamente alla ricerca di uno spiraglio.
      Ma noi possiamo farcela, si..., possiamo farcela, solo se restiamo uniti.
      Possiamo farcela se esponiamo i nostri ideali, persone semplici come noi che non hanno denari, per comprare questo o quello per apparire. Bastano gli ideali andare in mezzo alla gente, gente come noi, gente come noi che non crede più alle favole che racconta quella gente, promesse... non mantenute, favole ormai svanite
      Denaro speso senza una giusta ragione
      Mentre la gente muore di fame
      Denaro speso nelle centrali nucleari
      La catastrofe di Fukushima che ha fatto venire i brividi a tutto il mondo
      Si poteva evitare
      Denaro speso per guerre e armamenti
      Mentre la gente muore di fame
      Animali estinti per colpa dell'uomo
      Piante estinte per colpa dell'uomo
      Tutto per colpa del re denaro.
      Mentre la gente muore di fame
      Tutto questo per rincorrere il re Denaro, non porta altro che sofferenze, malattie, dolore, invivibilità, morte, estinzione.
      Mentre c'è chi si arricchisce stando a guardare
      L'uomo disperato muore di fame.
      Ada Roggio
      Composta mercoledì 27 aprile 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di