Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Jacopa Del Gado

Ferragosto metropolitano

Ti prego, dai!
Giochiamo a "fare finta".
Lo tiro a me e addosso me l'avvinghio.

Il sole picchia e batte senza pace,
ci siamo solo noi, qualche piccione errante
ed una fontanella che pare agonizzante.

Conosco l'amarezza sotto quel ciuffo scuro.
Milano a ferragosto! Roba da aver paura.

E noi siamo proprio là!
Vi prego non credete al frutto di una scelta,
l'ansia di sfuggir gente,
l'anelito a "partenze intelligenti".

Niente di tutto questo, nessuna idea elegante,
solo noi due in bolletta e soldi in tasca niente.

E allora, dai! Bisogna farlo,
giocare, come allora a "fare finta".

Traversiamo quartieri sconosciuti,
-nella città in cui pure siam cresciuti -
e l'avventura, così come allora,
comincia con le insegne, prosegue coi colori.

Proprio a sinistra, uscendo dal metrò,
sbattiamo quasi addosso ad un bistrò.
Tre insegne dopo "la casa dell'omelette"
promette gioie al palato e tete a tete.

"Guarda, siamo a Parigi!"
Dico mentre gli cingo il fianco.
"Non vedi che è Marsiglia?"
Non senti il mare e l'odor di triglia? "

e mentre ci baciamo - e non vedevo l'ora-
io me lo guardo ancora
e l'amo più di allora.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Jacopa Del Gado
    Ha partecipato al concorso
    AMORI di_VERSI

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.50 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti