Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti

1
postato da , il
"C'è ancora posto per un cinema di denuncia che però, in sintonia col prevalente clima di pessimismo, s'è trasformato ripiegando s'un registro più minimalista. Ovvero, nella lotta contr'un qualsivoglia Golia politico/finanziario, la vittoria del David di turno non è definitiva e sa d'amaro" (Sandra Levantesi, "La Stampa"). Anche "Cattive acque" ha illustri precedenti, i meno noti: da "A Civil Action" (Zaillian, 1998) a "Puncture" (Kassen brothers, 2011), da "Michael Clayton" (Gilroy, 2006) a "Kill the Messenger" (Cuesta, 2014) e "Shock and Awe" (Reiner, 2017), tanto che, dop'aver affrancato Evans, Renner e Ruffalo dai panni del supereroismo marvelliano, il filone s'è già prestato alla serialità televisiva, appunto "Goliath" giunt'alla 3a stagione, e persino la release tedesca del film dei Kassen ha il titolo di "Puncture - David gegen Goliath". Almeno cambiare riferimento con un più consono Pirr'o Don Chisciotte?

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti