Scritto da: fiocchidineve
Questa è una storia che era già iniziata tanto tempo fa, con una penna d'oca, poi, con una penna stilografica ed arrivò anche una biro. Per chi poteva la macchina da scrivere e chissà se ora con una tastiera di pc, proprio in questo nostro piccolo mondo di pagine bianche, di trattini che lampeggiano, riusciremo ancora a colorare tutto di pensieri variopinti, che siano davvero nostri. Ma non ci sarà più quell'emozione della calligrafia tremante e poco perfetta, quel tratto che ci contraddistingue, cercando di trovare parole così nostre e così vere magari da non spedirle mai, col pensiero a volte in rima a volte no, anche con un semplice, c'era una volta... eh già! C'era una volta, l'impronta indelebile di noi, ripeto... c'era!
Luana Fruzzetti
Composto giovedì 15 giugno 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: fiocchidineve
    Non so cosa faccia odiare il Natale... confesso, ci sono stati momenti in cui l'ho odiato anche io, detestavo in quei giorni i sorrisi mentre soffrivo, i regali che non potevo fare, l'aria di festa che io non volevo! Lo confesso, non mi piaceva più, quello stesso via vai di gente ogni anno, le stesse canzoni, i convenevoli, la gente più buona... poi passata la tempesta ho ricominciato a pensarlo, a decorarlo, a gustarlo! Mi sono persa, un Natale o forse di più, che nella mia vita non ritorneranno. Non è vero che è un giorno come gli altri, lo diciamo per farci forza! Il Natale è Natale e quando scrivi questa parola in sé ha tutto. Io non so come faccia di nuovo ad amare il Natale, eppure i problemi ci sono. Ma ho sentito dire in giro, da qualche anima pura, che le cose belle le vedi se hai nel cuore bellezza e serenità, le cose brutte se sei arrabbiato e sofferente... quindi non è il Natale che è da criticare, ma il nostro modo di affrontare la vita... Infondo, quell'anno, triste e sconsolata, il Natale è stato ancora Natale anche senza di me, ma io non ero più io, senza il Natale!
    Tanti auguri a tutti quelli che vorrebbero amare il Natale.
    Luana Fruzzetti
    Composto martedì 13 dicembre 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: fiocchidineve
      Vivere la montagna non è facile, specie quando l'inverno si avvicina e le giornate sono buie e cupe... la montagna è per i coraggiosi, ma anche per i più sensibili, la montagna è per chi ha dentro umiltà e si accontenta anche di poco... la montagna ha bisogno di gente felice anche con la bufera, gente volenterosa che faccia legna, che pulisca i sentieri, che ami gli animali... non è facile rinchiudersi per sei mesi e lasciare il mondo fuori senza rapporti umani... ma in compenso la montagna ci stringe nel suo abbraccio materno, come una mamma, ci insegna a camminare e a vedere il mondo con occhi diversi.
      Luana Fruzzetti
      Composto martedì 25 ottobre 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: fiocchidineve
        La gente mi trova diversa ed è vero che non sono più la stessa. È che ho smesso di acconsentire ogni volta, di fingere risate e pure di litigare. Non mi arrabbio più, non mi stupisco più, non mi spendo più e non mi spreco più. Nel corso del tempo ho imparato a non farmi ferire da niente e a proteggermi da ogni cosa. Ci ho messo uno scudo alle pareti del cuore. Tu lo chiami egoismo, io ci vedo sopravvivenza.
        Luana Fruzzetti
        Composto sabato 12 luglio 2014
        Vota il post: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di