Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Giuseppe Verriotto

Inchiostro dipendente!", nato mercoledì 21 giugno 1961 a Ercolano (NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Giuseppe Verriotto
Ho visto uomini talmente poveri d'animo che non si potevano permettere niente neanche uno spicciolo di dignità, e per quanto io sia buono ed altruista dinanzi a tali persone, posso solo commuovermi per la loro pochezza, ma senza poter fare altro per aiutarli, perché la dignità è un bene che non si può prestare, tantomeno cedere!
Giuseppe Verriotto
Composto martedì 24 ottobre 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Giuseppe Verriotto
    Più ascolto il silenzio, più comprendo che non è mai banale, è un amico, il silenzio è un consigliere mi aiuta a riflettere, e dà più valore al mio tempo, non è mai tempo inutile. Se impari ad ascoltarlo, puoi modellare i pensieri ed eliminare dai discorsi tutte le parole stonate e, se lo sposi, non sarai mai rumore. Così come il buio, se impari ad entrarci, può insegnarti a vedere, perché solo nel buio puoi trovare, ciò che la luce nasconde. No, non ho paura della luce, così come non temo il frastuono, ma poiché sono stanco delle mie inutili reazioni, dinnanzi anche alle più visibili ragioni su ciò che l'uomo non riesce ad essere. Allora nel silenzio, nel buio, incateno e imbavaglio le mie pur timide condanne, reazioni ingoiate con dolore pur di non odiare, pur di non infierire, preferisco isolarmi, preferisco soffrire, il mio non è egoismo, non è vigliaccheria è riparo, io nel silenzio, nel buio, trovo il mio mondo, vicino al mistero, smetto di masticare le unghie, cestino i rimorsi, assolvo la coscienza e, serenamente mi tuffo nella mia realtà, che non è più un mistero, è fede! Lì non ho paura di affogare, perché nel silenzio, nel buio dove per me la speranza non è più speranza. Lì, trovo la certezza di Dio e mi profumo di misericordia, e sono già un altro, carico e pronto, ad un po di sopportazione. Sì, nel silenzio, nel buio alimento la mia fede e mi carico di umanità.
    Giuseppe Verriotto
    Composto martedì 10 ottobre 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Giuseppe Verriotto
      Anche Barcellona è terra mia per dignità e voglia di libertà. La paura non mi fa paura non cambio la mia vita la vigliaccheria non mi tocca non mi chiude la bocca né mi serra la porta. L'ignoranza può eliminarmi ma non può uccidere la mia storia, la mia fede, la mia forza nell'esserci, il mio pensiero all'amore, il mio urlo alla libertà. Anche Barcellona è casa mia io abito in Spagna, in Germania, in Inghilterra, in Francia, sono Italiano ma vivo dappertutto, dovunque c'è fratellanza e un Dio misericordioso da ascoltare. No, gli zombi non mi fanno paura mi fa pena solo la loro convinzione nella stupida e falsa ragione. Satana non usa più le corna, non fa più paura ma si serve dell'ignoranza di alcuni umani per spargere il male!
      Giuseppe Verriotto
      Composto lunedì 21 agosto 2017
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Giuseppe Verriotto
        Mi sono addormentato con il solo pensiero di non pensare. Volevo per un po' evadere dalla prigione dei pensieri, poi mi sono svegliato, con la sola voglia di voler pensare e così, mi sono trovato catturato dalla fantasia, vittima di nuovo dei mie pensieri. Pensare di non pensare e poi pensare, qualcuno penserebbe che era meglio non pensare. Ma, non è un caso se l'aquilone vola in alto anche quando non c'è vento! Sto pensando, il pensiero è la mia condanna, sono un ergastolano, per sempre chiuso nell'amore per la poesia!
        Giuseppe Verriotto
        Composto lunedì 7 agosto 2017
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Giuseppe Verriotto
          Se solo potessi, lo farei... se potessi moltiplicare le mie lentiggini e trasformarle in pietre preziose, lo farei. Così come diamantizzare i miei occhi, e corallizzare i miei capelli, sciogliere qualche lingotto d'oro, e iniettarmelo nel cuore, lo farei. Usare il mio carattere, la mia coscienza, come fossero delle mappe, e poi assistere come spettatore alla gara dell'amico più buono, più veloce, più bravo, che combatte con tutte le sue forze, pur di aggiudicarsi me, l'amico tesoro... e correre il rischio di vedermi vivisezionare, lo farei, se solo potessi, ma va male a tutti, non posso, perché sono uno scrigno di ferro battuto, e la società fa tutto, pur di pietrificarmi il cuore. Se solo potessi, ma non posso, l'ultimo atto d'amore non mi è concesso, e così sono costretto a non conoscere fino in fondo, tutti coloro che si dichiarano amici!
          Giuseppe Verriotto
          Composto sabato 22 luglio 2017
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Giuseppe Verriotto
            A volte sono triste al punto giusto, come oggi e devo combattere non poco con la voglia di andarmene per sempre, e allora mi stendo, per farmi trovare pronto da Caronte. No, in realtà lo faccio per evitare la paura di cadere, poi apro gli occhi, e mi accorgo anche che la mia vigliaccheria, ha fatto finta di scambiare un brandy con i barbiturici, qualcuno pensa che io sia forte, in realtà la mia sopravvivenza la devo solo alla vigliaccheria, poi come fosse niente, ricomincio la mia giornata, di sorrisi, impegno, dimostrazione di forza, e consigli, riuscendo anche a procurare qualche invidia e così gli invidiosi sono talmente stupidi che invidiano di te tutto, anche i difetti, pensano di non averne abbastanza, ed io sono triste anche per questo, anche per i difetti degli altri.
            Giuseppe Verriotto
            Composto venerdì 21 luglio 2017
            Vota il post: Commenta