Post di Giovanni Battista Quinto

Dott. in Scienze della Formazione e dell'Educazion, nato sabato 24 giugno 1978 a Lauria (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Adoro Don Matteo, perché è il Prete che vorrei vivere davvero.
Il Prete virtuoso conserva intatto il sorriso sulle labbra e negli occhi; ha un animo gentile verso il prossimo, un carattere generoso, onesto, altruista, umile, di poche parole e di molti fatti (fatti per bene...).
Il Prete virtuoso vive l'insegnamento di Dio intensamente, non solo con la mente o le parole, e fa vivere tale insegnamento a chiunque possa incontrare sul suo cammino.
Il Prete valoroso, non è affatto presuntuoso, non ti guarda con disprezzo, ma ti serve con amore e ti tratta con rispetto;
di vero cuore!
Il Prete dignitoso non guarda alle sue tasche, non vive di danaro, ma di Misericordia ed autentica carità.
Carità che tutto muove, che tutto risana.
Un Prete d'amore, non ama esser servito per poi dare il ben servito, ma serve la sua comunità con affetto e tanta stima, senza pretese, senza servilismi da parte dei parrocchiani, ma servendo (ripeto) con rispetto e stima, non già con superiorità, alterigia, scorrettezza, presunzione, cattiveria vera e propria (nel caso qualcuno dovesse osare contraddire), scostumatezza e nervosismo alle stelle.
Quando un Prete parla di umiltà, di carità, di gratuità, di amore e rispetto reciproco, per poi dimenticare ciò che ha detto una volta sceso dal pulpito (comportandosi totalmente all'opposto), mi fa urtare.
Non credo più in determinati "Preti". (Tanto rispetto per loro che sono comunque esseri umani).
Credo solo in Dio.
Giovanni Battista Quinto
Composto lunedì 5 gennaio 2015
Vota il post: Commenta
    La forza dell'amore unisce l'animo coraggioso d'una mamma al fragile destino di una figlia... da qui nasce il "sempre", l'infinito sentimento che regna inalterato, l'insaziabile desiderio di provare emozioni, talvolta contrastanti; e la voglia di confronto s'accende tra due diverse generazioni, tra identità uniche ed unite da tenerezza e vitalità, da sospiri intensi di passione, da empatia che accende ancor più comprensione. La madre osserva la figlia con occhio vivace mentre lacrime intrise di nostalgia inondano gli occhi di chi amò oltremodo offrendo se stesso in un turbinio di gesta virtuose, nella semplicità riflessa in un incantevole tramonto che preannuncia la sera della vita terrena e lascia spazio al ricordo di chi fu per noi delizia e tormento nell'improvviso calar del sipario, quando le luci si spengono al mondo rattristato per accendersi a giorno nuovo ed intenso. Resta impresso quell'ultimo bacio condito di pianti e dolore; ma la mamma non muore mai, vive nell'anima, nel ricordo; abbraccia il respiro, si nutre di noi, ci osserva, ci sfiora, ci adora in silenzio, placa il dolore, infonde calore, ci sorride e ci invita ad amare di cuore.
    Giovanni Battista Quinto
    Composto domenica 16 luglio 2017
    Vota il post: Commenta
      Gesù ha esaltato, con umiltà e bontà, un padre vero, umile, comprensivo; un padre che infonde nelle sue creature il concetto di libertà. Libertà di decidere come portare avanti l'esistenza (percorso di vita); libertà di scegliere tra bene e male, tra sincerità e disonestà, lealtà ed illegalità, moralità ed immoralità. Il padre ci lascia liberi di decidere se seguirlo o meno; poca importanza dà alle cose futili dell'esistenza; non bada al fanatismo, al tifo sfegatato per l'uno o per l'altro credo (tutto ciò porta al degrado dell'essere, al distacco, a squallide fazioni guerreggianti tra loro). Egli s'accontenta di poco, al di là d'ogni atteggiamento, d'ogni faziosità o pensiero radicato da tempo in chi alimenta soltanto la propria verità per denigrare puntualmente ciò che va contro i personali ideali esternati al prossimo con buona dose d'impulsività, scorrettezza, egoismo e vanità. Ma non fu il buon gesù a dirci: "chi vuole mi segua!"? Gesù ha mortificato il fratello che andava contro i suoi principi? Gesù ha calunniato chi professava un pensiero diverso dal suo? No, nella maniera più assoluta! Purtroppo ci sono certi individui che, con buona dose d'impulsività, aggrediscono altri individui per il sol fatto di professare un credo diverso; ma non disdegnano di rifarsi ad un Dio materiale ed immorale, un Dio denominato denaro.
      Giovanni Battista Quinto
      Composto sabato 15 luglio 2017
      Vota il post: Commenta
        L'amore non chiede, non desidera, non spera in ritorni, non si nutre di condizioni o di illusioni. L'amore è vita, è gratuità, è sentimento profondo; sosta nei cuori come onda al tramonto; esprime se stesso in un gesto d'affetto, nel dolce sorriso, in una lacrima d'addio: quando qualcuno ci abbandona per andar via dal nostro fragile, tenero mondo.
        Giovanni Battista Quinto
        Composto venerdì 7 luglio 2017
        Vota il post: Commenta
          Non ch'io neghi all'uom venale velleità, ma aride parole di furbizia e vanità, son disagio e disonore per l'intera comunità. Mai conobbi uomo d'animo ruderale, ristretto come vil soggetto... privo di dignità; risentito ed esacerbato, anaffettivo quanto basta, illuso ed irrequieto, l'uomo pubblico espleta con lodevole abilità l'esercizio sacro come fosse fonte fresca dalla quale attinger solitario per saziar la sete di denaro. E beve, beve, beve: l'uomo nero si disseta alla fresca sorgente del peccato e allontana tutti. Udite amici, egli ha costruito otto dimore per nostro Signore; instancabile e battagliero trova sempre un espediente per dire: "ho fatto tutto io", dimenticando che una comunità è composta di tante persone. L'uomo nero si perde sempre più nell'egoismo e nella oscurità, dimentico! (... dimentico di tutti i paesani che sborsano ed hanno sborsato, mentre intasca alla faccia di tutti!). Prosegue il cammin dell'esistenza ed immune rifiuta ogni sentimento; furbo e spietato, intimo amico della materialità, acerrimo nemico della moralità, si fregia di onori e virtù sminuendo il suo simile ed il mondo intero. Ma a chi credi di prendere in giro, uomo nero? Il male lo fai soltanto a te stesso... Dio ti benedica. Ne hai bisogno.
          Giovanni Battista Quinto
          Composto martedì 4 luglio 2017
          Vota il post: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di