Delusioni


Scritto da: Roberto Giusti
in Diario (Delusioni)
Ci sono esseri che trovano gioia nella vita, e poi, ci sono quelli come me, che troviamo la vita nella morte. Morte che però non vuol dire necessariamente piacere di morire o vederla come un punto di arrivo felice. Certo qualcuno pure ci sarà, ma non è il mio caso. Morte vuol dire saper accettare di convivere col dolore, poco importa se deriva da ricordi, da una storia andata a male o da quant'altro. Morte vuol dire essere soli, soli ad affrontare tutto ciò che deriva da quei mostri, dai tuoi mostri, le tue paure, ansie o dai pensieri più intimi e nascosti. E così, ogni giorno, ti ritrovi a combattere per questa vita, vita in cui gli altri gioiscono e tu invece, con fare introspettivo, vai avanti per la tua strada fra una battaglia e l'altra. Un guerriero certo, ma senza armi. Non esiste quindi un solo modo di esistere, ma esistono gli esseri, essere come loro ad esempio, o come me... anime dannate.
Vota il post: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di