Scritta da: Giacinto Cistola
Di notte i pensieri sono come un piccolo stagno un cui t'immergi. All'inizio ne godi e ci sguazzi, li prendi e li giri e li smonti e ci giochi, e vai avanti scivolando da un pensiero all'altro, e ci rifletti e lo riformuli, e ne sorridi, senza accorgerti che loro, i pensieri, stanno giocando con te.
Tu sei li che li metti in fila o meglio ti sembra di farlo, mentre loro ti stanno fregando e ti accorgi improvvisamente che non sei immerso in un placido limpido stagno, stai affogando nella melma di putridi fangosi pensieri.

Ho atteso la fredda luce dell'alba per liberarmi dalla loro morsa.
Giacinto Cistola
Composta mercoledì 4 aprile 2012
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di