Aforismi di Elisa Iacobellis

Questo autore lo trovi anche in Poesie.

Scritta da: ElyAngel
Anima di bimbo errante, sulla riva dei tuoi sogni, sussurri: "Ho un cuore nomade e selvaggio", per ritrovarti poi un bel giorno, fra le rughe d'un vecchio saggio. Granello di sabbia, nella clessidra del tempo, ti sei perso e ritrovato: il tuo bimbo interiore mai t'ha scordato.
Elisa Iacobellis
Composta giovedì 19 novembre 2009
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: ElyAngel
    Nubi cariche di lacrime dissetano l'anima, arida duna. Come granello di sabbia, io, speranza, affogo nell'immenso mar del mio dolor. Giungerà la quiete dopo la tempesta. Oltre l'orizzonte d'un nuovo lido, alzando gli occhi al cielo, riscoprirò, finalmente, l'arcobaleno.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: ElyAngel
      Cercami in un'isola sperduta del cuore mentre scorre la clessidra del tempo. Son granello di sabbia, diadema di luce e purezza. Talvolta mi nascondo, fra le pieghe della vita mi confondo. Riconoscimi: brillo, d'una luce speciale, scintillo. Ricordi? Fra le tue mani ero quel giorno: appeso ad un fil di speranza, nella terra di mezzo tra il paradiso e l'inferno, barcollavo in attesa d'una sorte indefinita. Cercami. Se non mi trovi, inventami! Mi ritroverai sulla riva dei sogni tuoi, più segreti!
      Elisa Iacobellis
      Composta giovedì 19 novembre 2009
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: ElyAngel
        Come un soffice granello di sabbia è l'amore: ardente, bruciato dal calore del sole; talvolta frammento d'un castello di rabbia o nomade fuggitivo che dissolversi può, in venti d'inquietudine e turbamento. Desolato s'inumidisce in lacrime di sale o, umiliato, s'immerge negli abissi profondi del mare: il mar rosso del cuore, che l'avvolge in tsunami d'emozioni... Con saggia coscienza, la dolce brezza del cuor, sospirando sulla riva, l'asciuga.
        Elisa Iacobellis
        Composta giovedì 19 novembre 2009
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: ElyAngel
          Granello di sabbia, frammento di castello, custode dell'anima umana, dolcemente ti consumi. Irrefrenabile emozione, nella sanguigna riva dell'esistenza, risucchiata dall'onda d'un tempo, ladro di battiti e dibattiti, d'istanti rubati all'eterno, scivoli e sprofondi negli abissi del mare! Oltre la paradisiaca barriera corallina, ti dissolvi nel Mar Morto e risorgi a nuova vita. Lineamenti riscopri, plasmati da un vento che profuma di vivida essenza, fra le dune di un'isola chiamata Speranza.
          Elisa Iacobellis
          Composta giovedì 19 novembre 2009
          Vota la frase: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di