Le migliori frasi umoristiche di Paolo Broni

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Indovinelli.

Scritta da: Paolo Broni
Una coppia va al cinema con il bambino piccolo in braccio. La maschera li avverte: "Se il bambino si mette a piangere, dovrete lasciare la sala; comunque vi rimborseremo il biglietto."
Dopo una mezz'ora il marito si china verso la moglie:
- Cosa ne pensi del film?
- Penso che fa schifo.
- Anch'io. Dai un pizzicotto al bambino.
Paolo Broni
Vota la frase umoristica: Commenta
    Scritta da: Paolo Broni
    Un giorno ero a casa dai miei nonni. La nonna era uscita e a guardarmi era rimasto il nonno. Avrò avuto 2 anni e mezzo. Qualcuno mi aveva regalato un piccolo servizio da thè ed era uno dei miei giocattoli preferiti. Il nonno era seduto in poltrona, leggendo il giornale, quando arrivai io a portargli una piccola "tazza di thè" che era solamente acqua. Dopo parecchie tazze di acqua e lodi per il buonissimo thè, tornò a casa la nonna. Il nonno le disse di aspettare perché io facevo una cosa "carinissima". La nonna restò a guardare e dopo un poco arrivai con un'altra tazzina di acqua, e vide il nonno che la beveva. Poi disse (come solo una nonna potrebbe dire) "Ti rendi conto, vero, che l'unico posto in cui può arrivare per prendere l'acqua è la tazza del gabinetto?"
    Paolo Broni
    Composta mercoledì 20 maggio 2015
    Vota la frase umoristica: Commenta
      Scritta da: Paolo Broni
      Un poliziotto ferma un'automobilista:
      Donna: Cosa succede agente?
      Agente: Ha superato il limite di velocità, signora.
      Donna: Ma davvero?
      Agente: Mi fa vedere la patente, per favore?
      Donna: Mi dispiace, non ce l'ho.
      Agente: Come, non ce l'ha?
      Donna: Me l'hanno ritirata 4 anni fa, per guida in stato di ubriachezza.
      Agente: Ah. Mi faccia vedere il libretto della macchina.
      Donna: Non so dove sia. Vede, questa non è la mia macchina, l'ho rubata.
      Agente: L'ha rubata?
      Donna: Sì. E ho ucciso il proprietario, e poi l'ho fatto a pezzi.
      Agente: Ha fatto a pezzi il proprietario?
      Donna: Perché, non mi crede? I pezzi sono in un sacco nel bagagliaio. Aspetti che glieli faccio vedere.
      L'agente corre alla propria auto e chiama la centrale, spiega la situazione e pochi minuti dopo arrivano altri agenti e il capo della polizia, che si avvicina alla donna e dice:
      Capo: Vuole scendere dall'auto signora?
      La donna scende.
      Capo: Il mio agente dice che lei ha ucciso il proprietario dell'auto, l'ha fatto a pezzi e messo i pezzi nel bagagliaio.
      Donna: Ucciso? Io? Chi?
      Capo: Può per favore aprire il bagagliaio?
      La donna apre il bagagliaio. Vuoto.
      Capo: Il mio agente mi dice che lei ha rubato questa auto.
      La donna prende i documenti dell'auto, che sono perfettamente in ordine.
      Capo: l'agente mi dice anche che lei non ha la patente.
      La donna apre il portafogli e gli dà la patente.
      Il capo della polizia la guarda, perplesso, poi la restituisce e dice: "Mi scusi, sa, ma il mio agente mi aveva detto che aveva ucciso il proprietario dell'auto, l'aveva fatto a pezzi, rubato l'auto e che non aveva la patente.
      Donna: Ma certo! E magari anche che avevo superato il limite di velocità!
      Paolo Broni
      Vota la frase umoristica: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di