Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori frasi umoristiche di Paolo Broni

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Indovinelli.

Scritta da: Paolo Broni
Un giorno ero a casa dai miei nonni. La nonna era uscita e a guardarmi era rimasto il nonno. Avrò avuto 2 anni e mezzo. Qualcuno mi aveva regalato un piccolo servizio da thè ed era uno dei miei giocattoli preferiti. Il nonno era seduto in poltrona, leggendo il giornale, quando arrivai io a portargli una piccola "tazza di thè" che era solamente acqua. Dopo parecchie tazze di acqua e lodi per il buonissimo thè, tornò a casa la nonna. Il nonno le disse di aspettare perché io facevo una cosa "carinissima". La nonna restò a guardare e dopo un poco arrivai con un'altra tazzina di acqua, e vide il nonno che la beveva. Poi disse (come solo una nonna potrebbe dire) "Ti rendi conto, vero, che l'unico posto in cui può arrivare per prendere l'acqua è la tazza del gabinetto?"
Composta mercoledì 20 maggio 2015
Vota la frase umoristica: Commenta
    Scritta da: Paolo Broni
    Un poliziotto ferma un'automobilista:
    Donna: Cosa succede agente?
    Agente: Ha superato il limite di velocità, signora.
    Donna: Ma davvero?
    Agente: Mi fa vedere la patente, per favore?
    Donna: Mi dispiace, non ce l'ho.
    Agente: Come, non ce l'ha?
    Donna: Me l'hanno ritirata 4 anni fa, per guida in stato di ubriachezza.
    Agente: Ah. Mi faccia vedere il libretto della macchina.
    Donna: Non so dove sia. Vede, questa non è la mia macchina, l'ho rubata.
    Agente: L'ha rubata?
    Donna: Sì. E ho ucciso il proprietario, e poi l'ho fatto a pezzi.
    Agente: Ha fatto a pezzi il proprietario?
    Donna: Perché, non mi crede? I pezzi sono in un sacco nel bagagliaio. Aspetti che glieli faccio vedere.
    L'agente corre alla propria auto e chiama la centrale, spiega la situazione e pochi minuti dopo arrivano altri agenti e il capo della polizia, che si avvicina alla donna e dice:
    Capo: Vuole scendere dall'auto signora?
    La donna scende.
    Capo: Il mio agente dice che lei ha ucciso il proprietario dell'auto, l'ha fatto a pezzi e messo i pezzi nel bagagliaio.
    Donna: Ucciso? Io? Chi?
    Capo: Può per favore aprire il bagagliaio?
    La donna apre il bagagliaio. Vuoto.
    Capo: Il mio agente mi dice che lei ha rubato questa auto.
    La donna prende i documenti dell'auto, che sono perfettamente in ordine.
    Capo: l'agente mi dice anche che lei non ha la patente.
    La donna apre il portafogli e gli dà la patente.
    Il capo della polizia la guarda, perplesso, poi la restituisce e dice: "Mi scusi, sa, ma il mio agente mi aveva detto che aveva ucciso il proprietario dell'auto, l'aveva fatto a pezzi, rubato l'auto e che non aveva la patente.
    Donna: Ma certo! E magari anche che avevo superato il limite di velocità!
    Vota la frase umoristica: Commenta
      Scritta da: Paolo Broni
      C'è una drogheria di quelle all'antica, con tanti scaffali di legno e sull'ultimo scaffale in alto c'è un grosso vaso di vetro pieno di mentine.
      Un giorno entra un bambino: "Vorrei dieci centesimi di mentine."
      Il droghiere va nel retrobottega, prende la scala, sale all'ultimo ripiano, porta giù il vasone, pesa le mentine, il bambino paga ed esce, il droghiere riporta il vasone sull'ultimo ripiano, riporta la scala nel retrobottega e torna al bancone.
      Entra un altro bambino: "Mi può dare 10 centesimi di mentine per favore?"
      "Certo, bimbo." Dice il droghiere, poi va nel retrobottega, prende la scala, sale all'ultimo ripiano, porta giù il vasone, pesa le mentine, il bambino paga ed esce, il droghiere riporta il vasone sull'ultimo ripiano, riporta la scala nel retrobottega e torna al bancone.
      Entra un terzo bambino: "Vorrei 10 centesimi di mentine."
      Il droghiere, che già gli fumano, va nel retrobottega, prende la scala, sale all'ultimo ripiano, porta giù il vasone, pesa le mentine, il bambino paga ed esce. Mentre sta per riportare il vasone sull'ultimo ripiano il droghiere vede che alla porta c'è un altro bambino che aspetta fuori. Allora lo chiama: "Bambino! Bambino! Sì, proprio tu! Non è che, per caso, vuoi anche tu 10 centesimi di mentine, vero?"
      "No, signore" risponde il bambino.
      Allora il droghiere riporta il vasone sull'ultimo ripiano, riporta la scala nel retrobottega, torna al bancone e chiede "Allora, cosa vuoi?" "20 centesimi di mentine!"
      Composta giovedì 9 aprile 2015
      Vota la frase umoristica: Commenta