Scritta da: Andrea Manfrè
Un ingegnere si presenta sul posto di lavoro. È il suo primo giorno. Il principale gli mette una scopa in mano e gli dice: "Ecco, questa è una scopa, come prima cosa potresti dare una spazzata all'ufficio". L'ingegnere replica: "Una scopa? Ma guardi che io sono un ingegnere!" E il principale: "Hai ragione, scusa, vieni di là che ti faccio vedere come funziona"...
Anonimo
Vota la frase umoristica: Commenta
    Scritta da: Andrea Manfrè
    La FIAT invia alcuni ingegneri in Giappone per vedere come si realizza la Qualità Totale. Visitano le enormi e modernissime catene di montaggio robotizzate e vedono gli operai che lavorano meticolosamente. Notano anche che alla fine della catena di montaggio un operaio chiude un gatto vivo dentro a ogni bagagliaio e chiedono allora il perché di tale strano comportamento. Viene spiegato loro che se il giorno dopo il gatto è ancora vivo l'auto non è perfettamente a tenuta stagna e deve essere ricontrollata. I tecnici della FIAT tornano in Italia e mettono a frutto quanto hanno imparato. Dopo un anno i giapponesi vengono in Italia per vedere come sono stati applicati i principi della Qualità Totale. Visitano le catene di montaggio automatizzate e robotizzate e... notano che in fondo alla linea di montaggio un operaio infila un gatto in ogni macchina. Incuriositi chiedono il motivo di tale azione e viene risposto loro: "Se domani il gatto non c'è più cerchiamo il buco!"
    Anonimo
    Vota la frase umoristica: Commenta
      Scritta da: Andrea Manfrè
      Un ingegnere, un fisico e un matematico sono rinchiusi ognuno in una stanza con una scorta di scatolette di cibo, ma senza apriscatole. Dopo un mese le porte delle tre stanze vengono aperte. L'ingegnere è bello grasso e tutte le scatolette sono state aperte. Alla richiesta di come abbia fatto, risponde che ha usato la fibbia della cintura per farsi un apriscatole. Anche il fisico se l'è cavata: circa la metà delle scatolette è stata aperta. La sua risposta alle domande dei ricercatori è un lungo panegirico a base di "Applicando il vettore forza alla... ", "considerando l'energia potenziale del contenuto della scatoletta"... Comunque in realtà le scatolette sono state aperte a furia di botte sul muro. Infine è aperta la porta della stanza del matematico: questi è paurosamente magro e denutrito; tutte le scatolette sono chiuse. Il poveraccio ne tiene una nella mano rinsecchita e la regge a pochi centimetri dal viso, la fissa con occhi spiritati e mormora: "Supponendo, per assurdo, che sia aperta"...
      Anonimo
      Vota la frase umoristica: Commenta
        Scritta da: Edoardo Grimoldi
        Un anziano fedele si reca in Chiesa per confessarsi. Il confessionale è libero, si inginocchia e comincia a parlare...
        - Padre, mi ascolti,... io ho molto peccato...
        - Dimmi figliolo, che cosa hai fatto?
        - Sa, quando c'era la guerra ho tenuto nascosto in casa un ebreo...
        - Ma via! E questo sarebbe un peccato? Ma è un'azione meritoria della massima ammirazione. Tu gli hai salvato la vita!
        - Beh, sì, padre... questo è vero, però io gli ho chiesto dei soldi...
        - Questo non è bene, figliolo... e, dimmi, quanto gli hai chiesto?
        - Centomila lire al giorno...
        - Accipicchia! Questo macchia un po' la tua buona azione! Ma, d'altronde, resta il fatto che gli hai salvato la vita... Vai in pace, figliolo, io non ho nulla da cui assolverti!
        Il fedele si alza, fa qualche passo ma poi si rigira e ritorna al confessionale:
        - Padre, che pensa: è il caso che glielo dica che la guerra è finita?
        Anonimo
        Vota la frase umoristica: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di