Scritta da: Lorenzo Machì
L'allievo A. R. è uscito dall'aula senza permesso ed è andato nelle scale, dove si è chiuso, che portano al piano superiore, dove rimbomba da matti, e si è messo ad imprecare, bestemmiare, ruttare, e a chiedere aiuto. Abbiamo dovuto chiamare i pompieri e farli correre per niente. Chiedo sospensione immediata di giorni cinque per l'accaduto.
Anonimo
Vota la frase umoristica: Commenta
    Su una nave da carico c'era un cuoco cinese mite, gentile e riservato. La ciurmaglia, non avendo niente da fare, lo aveva preso di mira e gli faceva ogni giorno i peggiori scherzacci (tipo incendiargli il codino o cospargere di peperoncino la sua carta igienica... ), ma il cuoco non reagiva mai, non diceva niente e non si lamentava; al massimo faceva un inchino e se ne andava. Dopo alcuni mesi, l'equipaggio cominciò a stancarsi (e a esaurire la fantasia nell'inventare nuovi scherzi) e alla fine decisero di lasciare in pace il poveretto. Dopo alcuni giorni di "calma", il cuoco, meravigliato, prese la parola mentre tutti stavano pranzando: "Scusale, molto onolevoli compagni di viaggio, io avele notato che voi non stale più facendo nessun schelzo a povelo cuoco cinese, cosa essele successo?" Al che gli dissero che non c'era più gusto, che si erano stancati etc etc... "Allola voi non falete più schelzi a povelo cuoco cinese?" E la ciurma "No, no, non ti preoccupare, d'ora in poi puoi stare tranquillo" E il cuoco "E allola povelo cuoco cinese smettele di fale cacca nella minestla".
    Anonimo
    Vota la frase umoristica: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di