Scritta da: Paolo Broni
Un giorno Riccardo Cuor di Leone stava partendo per le crociate e fece chiamare il suo miglior amico.
Quando arrivò gli disse "Sto andando in guerra e mi potrebbe succedere qualsiasi cosa, per cui ti affido la chiave della cintura di castità della regina. Conservala accuratamente". "Non dubitare, mio signore, la terrò sempre con me!"
Riccardo Cuor di Leone allora salì a cavallo e partì alla testa del suo esercito. Dopo qualche chilometro un cavaliere al galoppo li raggiunse: era il miglior amico di Riccardo che gli disse tutto trafelato: "Mio signore, mio signore! Fermati! Mi hai dato la chiave sbagliata!"
Anonimo
Vota la frase umoristica: Commenta
    Scritta da: Neny
    Un carabiniere ogni mattina entra in una cabina telefonica, alza la cornetta, pronuncia qualcosa, dopo ascolta ed esce tutto contento, con un grande sorriso sulla faccia. Un signore, che ogni mattina di fronte a questa cabina telefonica aspetta il suo autobus, una mattina si avvicina al carabiniere. "Mi scusi, so che non sono affari miei, ma la vedo ogni mattina fare questo rituale e mi chiedevo cosa stesse facendo?". "Entro, alzo la cornetta e chiedo:" chi è il carabiniere più intelligente del mondo? ", e la voce mi risponde:" tu, tuuu, tu, tuuu, tu, tuuu... "
    Anonimo
    Composta martedì 28 gennaio 2014
    Vota la frase umoristica: Commenta
      Scritta da: Fausto Feltrinelli
      Una anziana pensionata abitava al terzo piano in via Filzi a Milano, per far quadrare il bilancio della sola misera pensione, nei vasi sul poggiolo aveva piantato dei cavoli invece dei fiori, una mattina annaffiandoli gli cadde dell'acqua sul marciapiedi sottostante, e subito salirono due guardie municipali per la contravvenzione, ma appena aperta la porta e notando gli intervenuti lei meravigliata asclamò: Non avrei mai immaginato che annaffiando i cavoli venissero su i vigili!
      Anonimo
      Vota la frase umoristica: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di