Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lucio Dusso
Una coppia andò in vacanza su un lago in cui non si poteva pescare: lui amava pescare all'alba e lei adorava la lettura.
Una mattina lui tornò dopo alcune ore di pesca e decise di sdraiarsi per schiacciare un pisolino; benché il lago non fosse familiare, lei decise di uscire in barca.
Remò un po', ancorò la barca e cominciò a leggere il suo libro.

Dopo un po' apparve una guardia nella sua barca. Richiamò la donna e le disse: "Buongiorno signora, cosa sta facendo?"
"Leggo!", rispose lei, pensando che fosse evidente.
"Si trova in un'area di divieto di pesca!", incalzò la guardia.
"Ma non sto pescando!, non lo vede?", rispose pacata la donna.
"Si, però ha con sé tutto l'occorrente per farlo. Dovrà seguirmi e la dovrò multare", sbottò la guardia.
"Se lo fa, la denuncio per violenza carnale!", disse allora la donna indignata.
"Ma... ma se non l'ho neanche toccata!", stupito rispose la guardia.
"Si, però ha con sé tutto l'occorrente!", beffarda rispose la donna.
Vota la frase umoristica: Commenta
    Scritta da: Fausto Feltrinelli
    Due amici veneti si reincontrano dopo 20 anni.
    Ciao Toni come vato? Ie venti anni che no te vedo. E si anca mi. Sato go trovà un lavoro! Cosa ti ga trovà un levoro mona? Si caro, e mi son anche sposà! Cosa ti se sposà mona? Si e go avu una fiola sato. Ti ga avu una fiola mona? Si caro. E dimme, come l'ato chiamaa? L'ho chiamaa Si figa. Cosa? Perché Sifiga? Volevo chiamarla Si mona ma el me pareva tropo dialettale!
    Vota la frase umoristica: Commenta