Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti inseriti da Samantha Avvelenata

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Samantha Avvelenata
Bisogna prendersi del tempo. Per assimilare, per decantare. Per permettere al dolore, che si è posato sul cuore, di risalire e scivolare in gola. Per trovare il modo di farlo uscire, defluire tramite le parole. Perché tenerselo dentro pesa, ci fa camminare gobbi. Con gli occhi talmente bassi da... [continua a leggere »]
Composto martedì 30 aprile 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Samantha Avvelenata
    Non puoi permetterti di soffrire e lo sai. Non fosse che la tua sofferenza è il fardello lasciatoti in dono dai tuoi sbagli. E non puoi permetterti di soffrire e stare fermo. Beandoti, oltretutto, della tua e dell'altrui sofferenza. Non si vince niente, sai? Non è una gara a chi soffre di più, e... [continua a leggere »]
    Composto venerdì 3 maggio 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Samantha Avvelenata
      È a te che vorrei scrivere ancora. Perché nonostante il tempo passato, dentro di me non passi mai. Ma non saprei nemmeno quali parole usare perché la tua assenza ha ormai ingombrato interamente la mente, il cuore, il foglio. Ci sei in questo silenzio che atterrisce, eco di un'attesa destinata a... [continua a leggere »]
      Composto lunedì 6 maggio 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Samantha Avvelenata
        Non sempre basta lottare per vedere realizzato un sogno. Personalmente ho sempre avuto sogni modesti, cose piccole, riconducibili alla realtà di ogni giorno. Ho sempre sognato in piccolo per limitare i danni in caso di fallimento. La cosa buffa è che anche limitarsi non mette al riparo dalle... [continua a leggere »]
        Composto sabato 11 maggio 2013
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Samantha Avvelenata
          In qualche modo ne usciremo da questi giorni gettati alla rinfusa, senza un ordine logico apparente. Giorni passati a tentare di ricostruirci, unendo le nostre solitudini, ripercorrendo perfino gli stessi errori che ci hanno visti lontani, pur di non perderci del tutto. Eppure siamo come una... [continua a leggere »]
          Composto domenica 19 maggio 2013
          Vota il racconto: Commenta