I migliori racconti inseriti da Mario Pugliese

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Mario Pugliese

Una vita al limite

Nella tasca porta sempre una fiche di 20.000 lire: tutto quello che gli rimase dopo aver giocato 40 milioni al casinò. "La vita non è solo quella che si è vissuta, ma anche quella che si sarebbe potuta vivere", lo ripete Mario Pugliese, 55 anni, si è messo a nudo di fronte alla sua comunità. Ha... [continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Mario Pugliese
    Sembrava tutto vero. Racchiuso in quei pochi attimi. L'intensità di un'evanescente sentimento, apparentemente inattaccabile ma cosi fragile che, un solo fremito lo ha frantumato in un milioni di pezzi. E ti ritrovi sommerso da cocci di cristallo in un tramonto di malinconie con milioni di di... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Mario Pugliese
      Ragione e sentimento. Non mi ha mai fatto paura la morte. Non l'avrei cercata cosi frequentemente al punto che mi è sfuggita di mano più di una volta. Mi fa paura morire senza essere riuscito a svuotarmi di tutto l'amore che mi soffoca dentro. Ho cercato come un vulcano di dar sfogo in più... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Mario Pugliese

        Anch'io avrei voluto essere un bambino

        "Anch'io avrei voluto essere un bambino". Non ho mai avuto e mai avrò la presuntuosità di fare lo scrittore. Sono semi analfabeta o meglio ho frequentato la scuola per meno di due anni. Sono autodidatta, a spese del ministero di grazia e giustizia, di questo parlerò dopo. Chi sono. Mario Pugliese... [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Mario Pugliese

          Natale dietro le sbarre.

          Ci vuole più coraggio per "saper vedere" dietro le sbarre. Si possono non sentire mille ricorrenze, i compleanni, gli onomastici, e tutto il resto. Ma Natale no! È un coltello che lentamente entra nelle carni per poi girarti nella piaga. In carcere si sente da lontano molto prima che arriva... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di