Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti inseriti da Francesca Alleva

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Francesca Alleva

Essere un libro aperto

"Tu sei un libro aperto". Non ho mai sentito mia questa frase come in questo momento. In questo momento ho capito. Non è più questione che io scriva o meno un libro; io sono un libro. Per questo mi viene bene esprimermi scrivendo, piuttosto che parlando. Perché devo essere letta. Devo essere... [continua a leggere »]
Composto giovedì 18 aprile 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Francesca Alleva

    Fantasmi

    Mi hanno detto: "io non voglio più inseguire i fantasmi come te." Ho risposto: "io non sono un fantasma. Io sono un concreto" sì "o un concreto" no ". Il fantasma è ciò che hai creato quando mi hai immaginato quella che non sono o quella che avresti voluto io fossi." I fantasmi, certa gente, se... [continua a leggere »]
    Composto domenica 11 agosto 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Francesca Alleva

      Fenice

      Un sacchetto di carta.
      Un sacchetto di carta sul tavolo e una metodica disposizione delle cose.
      Prima raccoglierei i pezzi di me che stanno ancora negli altri: da te riprendo il mio libro, da te quella poesia, tu ridammi la verginità e tu quel pezzo di cuore. Ah, e tu restituiscimi gli occhi che...
      [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Francesca Alleva

        Fuoco

        Al corso di recitazione ci facevano fare i quattro elementi, per imparare ad usare lo spazio. Ci dicevano, radicatevi come montagne. Fluite come l'acqua. Innalzatevi come fuoco. Spirate come vento. E tu ce la mettevi tutta. E ad un certo punto la sentivi la terra, sotto di te. E ti ergevi e ti... [continua a leggere »]
        Composto venerdì 21 giugno 2013
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Francesca Alleva

          Gli occhi delle persone

          È tutto negli occhi delle persone. Credo sia uno dei migliori peggiori cliché da scrivere, ma è davvero così. Se solo ci soffermassimo a guardare. E non c'entra saper leggere gli sguardi, si tratta solo di aprire i propri e guardare quelli degli altri. Persone che ridono con tutto, persino con... [continua a leggere »]
          Composto giovedì 7 febbraio 2013
          Vota il racconto: Commenta