Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti inseriti da Fabio Privitera

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Fabio Privitera

Ecco perché decisi di diventare cieco

Io volli vedere ciò che ero in grado di osservare. La visione è l'istante, la pellicola che si riempie di luce e dispone gli oggetti nelle proporzioni e nella profondità in cui si situano al di là della nostra retina. L'osservazione è ciò che elaboriamo, l'ipotesi che spingiamo verso la verifica... [continua a leggere »]
Composto lunedì 14 ottobre 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Fabio Privitera

    L'abbraccio del cavaliere

    Tra le sue braccia si sentiva invincibile. Sapeva, in cuor suo, che non avrebbe potuto trovare riparo migliore e, nel contempo, non avrebbe voluto proteggere nessun'altra come sentiva di dover proteggere lei, curarne i timori e le malinconie.
    E non era neanche un dovere.
    Si trattava di vocazione...
    [continua a leggere »]
    Composto sabato 11 aprile 2015
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Fabio Privitera

      Lei e il suo eco

      Lei era riversa nel profumo di una magia, l'incantesimo di una sera che si manifestava con il vento a sollevargli il vestito leggero e uno sbuffo di capelli davanti al mento. Sentiva la bellezza della natura che le rispondeva con la brezza del mare, i suoi suoni antichi e gli echi delle onde... [continua a leggere »]
      Composto giovedì 16 luglio 2015
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Fabio Privitera

        Me senza te

        Dovresti andartene, sai. Le ore si impregnano del tuo silenzio e il ritrovarti ancora qui riaccende la rabbia e il rancore delle parole che ci allontanarono. Ma se sei ancora qui, datti almeno un motivo, non a me, a te per non giustificare questo vuoto a perdere. Lascia il silenzio alla notte... [continua a leggere »]
        Composto lunedì 19 marzo 2012
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Fabio Privitera

          Pensieri di stelle

          Lei tirò su il mento, in un momento distratto, e gli astri scoprì, innumerevoli come non li aveva mai visti. Lontano, la città era un altro cielo che pareva lo specchio di quello sopra di sé. Si concentrò su quest'ultimo, pensò a chi amava e gli dedicò un pensiero per ogni stella che riuscì a... [continua a leggere »]
          Composto mercoledì 26 agosto 2015
          Vota il racconto: Commenta