Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti


Scritto da: Laila Ken

Mio padre

Mio padre

Un ragazzo forgiato da tre grandi maestre di vita: la povertà, la strada, la guerra.
Cammina piano, con i pugni chiusi e la faccia tetra, verso il suo futuro avendo come unico compagno il desiderio di riscatto dal suo passato.

Mio padre

Un uomo che ha fatto del lavoro il suo unico...
[continua a leggere »]
Composto martedì 8 novembre 2016
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Enrico Coraci
    Non tutte le persone sono facili da leggere dentro. Ognuno di noi è un libro diverso, di un genere ben distinto, con caratteristiche uniche e con un proprio stile.
    L'apparenza è la nostra copertina, ma sappiamo bene che non bisogna mai giudicare un libro da questa, come una persona dall'apparenza...
    [continua a leggere »]
    Composto domenica 6 novembre 2016
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Alexandra Romano

      Il potere dell'indissolubilità

      Capitolo: 1
      Il professore iniziò a fare l'appello, quando intravidi un ragazzo nel corridoio. Capelli neri, occhi neri, maglietta grigia e jeans. Appariva un tipo strano, al primo impatto. Entrò nell'aula di fronte e sparì. Era una quarta. Ebbi un'improvvisa percezione, cosa che mi accadeva da quando avevo... [continua a leggere »]
      Composto domenica 31 maggio 2015
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Alexandra Romano

        Il potere dell'indissolubilità

        Capitolo: 1
        "Ok. Adesso, cosa c'entro io? Cos'ha da dirmi?", domandai perplessa.
        "Il tuo futuro...", sorseggiò la grappa restante nel bicchiere.
        "Cosa c'entra il mio futuro? Adesso vorrebbe farmi credere che legge anche il mio futuro?", mi agitai, poi mi fermai un attimo a pensare. "Cosa crede di conoscere...
        [continua a leggere »]
        Composto domenica 31 maggio 2015
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Isabella Pojavis

          Il piano magico

          Mi sveglio. È giorno, ma non sento rumori. Ho fame, così mi viene in mente un piano. Scendo dal letto silenziosamente, facendo attenzione a posare i piedi direttamente nelle pantofole. Resto in silenzio ancora un momento e sento la mamma cantare: è sveglia. Mi avvicino alla finestra e la vedo... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 3 giugno 2016
          Vota il racconto: Commenta