Scritto da: Steve BOTTY

Il passaggio

Ho il vivo ricordo di un ragazzo che a piedi nudi ha camminato su sentieri di fiori e spine, sotto la grandine, la neve, il sole torrido, avendo come bussola i propri sogni. Durante il viaggio, ogni giorno, il giovane raccoglieva le sue esperienze e le metteva nello zaino. In breve tempo, il... [continua a leggere »]
Steve Botty
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Steve BOTTY

    La mia via

    A circa vent'anni ero inghiottito e trasformato in un operaio turnista, da una fabbrica lager automatizzata. Dopo pochi giorni mi resi conto, che lavorare all'interno di un perimetro ristretto, col divieto di comunicare con chiunque, senza rendermi conto se fosse giorno o notte, non poteva... [continua a leggere »]
    Steve Botty
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Steve BOTTY

      La Stanza di Angela

      Lavorare a testa bassa tutto il giorno. Rientrare alla sera, affaticata, sfinita, stremata, completamente esaurita. Rifugiarti barcollando nella tua tana. Infilarti nel letto, sapendo che non c'è nessuno ad aspettarti per condividere le tue emozioni, le tue esperienze; ma devi confrontarti con l... [continua a leggere »]
      Steve Botty
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Steve BOTTY

        La sveglietta incantata

        Ogni anno in questo periodo non posso fare a meno di revisionare. Attraverso il vetro vedo altri due occhi... quelli di un ragazzo che guarda con soddisfazione ed entusiasmo la stessa sveglietta, felice di essere riuscito a montarla e a farla funzionare, appoggiata sul tavolo della cucina con a... [continua a leggere »]
        Steve Botty
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Steve BOTTY

          La tartaruga

          Mi sento come una tartaruga che, con il suo carapace ponderoso, cammina lungo una strada in bilico tra due baratri. Ogni tanto mi fermo, vacillo, cerco qualcosa che mi dia un segno di dove andare, ma sono circondato da una fitta nebbia. Ascolto una voce lontana che mi parla, ma non capisco che... [continua a leggere »]
          Steve Botty
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di