Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Stefano Napolitano

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Stefano Napolitano

Bisogna dirsi addio

È giunto infine il tempo. L'ora dei saluti, il momento, infausto, dove io debba dirvi addio, abbandonarvi perché ormai stanchi di me. Lasciare che il tempo trascorso insieme si mescoli al tempo che verrà, cancellando, spero non del tutto, ciò che fu. Un ricordo amaro, non per forza veritiero del... [continua a leggere »]
Composto sabato 24 agosto 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Stefano Napolitano

    Come nasce una bestia

    Qualcosa non va, i sorrisi, dai nostri volti vanno via. Gridiamo l'uno contro l'altra, come avesse ragione chi urla più forte; fosse realmente così l'avrei vinta io. Fai per andare via, provo a fermarti ma non vuoi essere toccata, non più, non ora. Ma devo farlo! È questione di vita o di morte... [continua a leggere »]
    Composto domenica 15 gennaio 2017
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Stefano Napolitano

      Fine

      Sono in uno stanzone, da ore, non so più neanche quante. Non le conto più, non sono annoiato, persino quello stato è passato. Altra gente come me aspetta qui, chi più chi meno ore di me. È tutto bianco, tranne le sedie, rosse, a me sembrano strane. Esce dalla porta a vetri una signora, è bassa e... [continua a leggere »]
      Composto sabato 31 maggio 2014
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Stefano Napolitano

        Ricordo

        Ricordo con piacere il sapore del cibo, ricordo il calore di un bacio, e ricordo la passione del sesso, ricordo il tremore dell'amore, ricordo l'onestà di una vera amicizia, ricordo il dolore di un lutto, ricordo l'emozione di una nascita, ricordo la rabbia di un litigio, e ancora, ricordo l... [continua a leggere »]
        Composto venerdì 31 maggio 2013
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Stefano Napolitano

          Stella

          Quando chiusi gli occhi ero circondato dal buio, ero spaventato e non vedevo a un passo da me. Tutto intorno pareti e mura invalicabili, e nessuna porta né una finestra. Nessuna via di uscita da tutto questo. Si udivano urla e lamenti provenire dall'interno ma mi sforzai di non capire da dove... [continua a leggere »]
          Composto giovedì 6 giugno 2013
          Vota il racconto: Commenta