Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Stefano Napolitano

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Stefano Napolitano
Quando ti innamori, nasce una sorta di inspiegabile, ma reale, legame col passato. Un passato anche remoto, perché chissà chi fu il primo ad accorgersi di "amare", chissà cosa pensò o cosa fece. E nel corso di tutti questi anni, sono sicuro, si possono contare più innamorati che granelli di... [continua a leggere »]
Composto giovedì 6 giugno 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Stefano Napolitano
    Io non capisco gli sguardi, non capisco le parole, non capisco di arte moderna, ma neanche antica. Io non capisco di balli caraibici o di fotografia, non capisco di ingegneria, in qualsiasi sua forma. Non capisco di famiglia, di come ci si comporta, ma soprattutto di cosa è giusto o sbagliato... [continua a leggere »]
    Composto sabato 2 marzo 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Stefano Napolitano
      Dopo una notte insieme la baci una, due, tre volte... fai per andare via ma ti volti e di nuovo... uno due tre baci... stavolta vai via sul serio ma ti giri la guardi e pensi come sia bella. La stessa sera con quelle labbra bacia un altro uomo e fa l'amore passando l'intera notte con lui. È... [continua a leggere »]
      Composto venerdì 5 febbraio 2010
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Stefano Napolitano
        L'uomo senza una donna.
        Prima settimana: "che cazz'me ne frega a me, me ne trovo quante ne voglio, se voglio!"
        Terza settimana: "va beh dai, si sta bene anche da soli alla fine."
        Sesta settimana: "mmmm se continuo a masturbarmi così mi cade, ma è normale che sia cosi rosso?"
        Superati i due mesi...
        [continua a leggere »]
        Composto mercoledì 3 febbraio 2016
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Stefano Napolitano
          Sotto forma di roveto ardente mi comparve Dio, mi disse: "Tuuuu Stef-ano (facendo ricadere misteriosamente l'accento sulla A) Napolit-ano, ebbene tu, lo prenderai!" Indoveee signoreee indoveeee lo prenderò, chiesi spaventato, e lui, "lo prenderai e lo porterai alla casa del signore", a chi?, "lo... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 24 aprile 2015
          Vota il racconto: Commenta