Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Stefania Meneghella

Studentessa, nato martedì 4 ottobre 1994 a Bari (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Stefania Meneghella
Sono rinchiusa nella mia stanza, tra le mura della mia vita. Rinchiusa perché non ho la forza di urlare al mondo tutto il mio rancore e la mia rabbia nei suoi confronti. Vorrei alzarmi da quel letto per sostituire un pugno con un abbraccio, vorrei accarezzare quei cuori deboli e indifesi, vorrei... [continua a leggere »]
Composto domenica 8 settembre 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Stefania Meneghella
    Osservando il mondo dalla prospettiva di un bambino, tutto appare migliore. Siamo come catapultati in un prato mentre felicemente osserviamo il cielo. E noi lì, distesi, in pace, sereni. I bambini hanno negli occhi due lucciole che si illuminano quando tutto è buio, quando ogni cosa è... [continua a leggere »]
    Composto martedì 30 aprile 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Stefania Meneghella
      Se volgo lo sguardo al futuro, immagino una vita tormentata, colma di errori e rimpianti e delusioni. Immagino pianti, dolore, urla. Immagino ingiustizie, orrori, cattiverie, assurdità, il male. Immagino la presenza del male nella mia vita. Persone che mi faranno del male. Immagino tutto ciò che... [continua a leggere »]
      Composto giovedì 14 febbraio 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Stefania Meneghella
        4 ottobre. Avevo cinque anni quando iniziai a meditare per la prima volta su questa data. Tutti mi dicevano che compivo gli anni, quel giorno; e sono cresciuta con la consapevolezza che fosse un giorno speciale. Mi piaceva alzarmi quella mattinata e ricevere ogni tipo di auguri, persino dalle... [continua a leggere »]
        Composto mercoledì 3 ottobre 2012
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Stefania Meneghella
          Oggi è stata una giornata strana, particolare. Tutto intorno a me ha cominciato a ruotare inesorabilmente. Ruotava, ruotava. Il fiume scorreva e il mondo ruotava, ed io ero lì, ferma e immobile. Lì statica, solamente con me stessa. Ero in piedi ad osservare il vuoto, e il mondo ruotava, la gente... [continua a leggere »]
          Composto mercoledì 21 settembre 2011
          Vota il racconto: Commenta