Racconti di Simona Giorgino

Insegnante, nato giovedì 9 gennaio 1986 a Casarano (LE) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Poesie.

Scritto da: Simona Giorgino

Afferrare un sogno

Il mio ragazzo ama il mare, la fedeltà e la sorpresa. E me. Ci ubriachiamo dei nostri sguardi e dei nostri abbracci. Non possiamo vivere senza l'altro. Conosciamo bene i colori della nostra storia e cerchiamo di tenerli vivi. Il mio ragazzo mi tiene per mano e mi fa sentire al sicuro. Siamo uno l... [continua a leggere »]
Simona Giorgino
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Simona Giorgino

    Fotografie

    Non è più come prima, come quando ci guardavamo negli occhi solo per trovarci l'amore. Ora cerchiamo le verità, quelle piccole verità nascoste dietro parole incomprensibili e mezze rivelazioni. Non è più come quando sedevamo al tavolino della rosticceria, con i nostri fagottini caldi tra le mani... [continua a leggere »]
    Simona Giorgino
    Composto sabato 5 dicembre 2009
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Simona Giorgino

      L'ultimo raggio di sole

      Mi avvolge nelle lenzuola come fossi una figlia da accudire con rispetto e devozione. Si preoccupa che il mio corpo sia abbastanza coperto da non prendere freddo, per guarire presto, come se questo fosse possibile. Posa adagio un bicchiere d'acqua sul comodino, a fianco del mio letto, e mi dice... [continua a leggere »]
      Simona Giorgino
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Simona Giorgino

        La vacanza estiva

        E allora, con dolcezza, le sfiorò le dita. Erano l'uno di fronte all'altra, come tanti anni fa, quando ancora piccini giocavano a batti le mani e correvano per la campagna a cacciare lucertole, le sfiorò le dita e le ricordò che era passato tanto tempo da quando, l'ultima volta, si erano... [continua a leggere »]
        Simona Giorgino
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Simona Giorgino

          Nella stazione dell'addio

          Il treno è già pronto sulle rotaie, si fermerà lì per dieci minuti, lascia il tempo a tutti di sistemare i bagagli sopra i sedili, negli scompartimenti, e di salutare i cari e gli amici. Io saluto te, Ben, e me ne vado da dove sono venuta. Il vento sibila, nessuno lo sente, sono tutti impegnati... [continua a leggere »]
          Simona Giorgino
          Composto giovedì 19 novembre 2009
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di