Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvio Squillante

Goditi questo silenzio

Si godeva il silenzio. Niente di più. Si godeva il silenzio e pensavo: "Non so più stare bene con qualcuno, non so più amare", forse già ricondurrai questa frase ad alcune persone, o forse, l'hai sentita da quella vocina che c'è dentro te. Credo che il cuore ed il cervello per natura... [continua a leggere »]
Composto martedì 16 ottobre 2012
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Silvio Squillante

    Inside my outside

    Guardavo il modo in cui muoveva le dita. Erano nervose, quasi elettriche. Pensai: "A chi vuoi darla a bere". Non è vero, non stava riflettendo, stava soltanto riordiando i suoi pregiudizi. Le mille idee che aveva del mondo, di chi lo abita, del voler bene al prossimo. E naturalmente dell'amore... [continua a leggere »]
    Composto domenica 24 giugno 2012
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Silvio Squillante

      Mai nessuno vuole ciò che desidera

      L'idea che non avrei più sfiorato il suo viso si faceva sempre più reale.
      "Come può il cielo non esser lo stesso di ieri?" Mi chiesi, dando involontariamente voce a quel pensiero. Ho sempre creduto mi mancasse qualche rotella. Solo io potevo pensare e poi dire una cosa del genere. Sentii dei...
      [continua a leggere »]
      Composto domenica 24 giugno 2012
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Silvio Squillante

        No pain no change

        Perché lei non parlava dei suoi problemi a nessuno?. Per un egoismo errato. Sì, perché lei era generosa, attenta ma era egoista per quanto riguarda i suoi problemi. Così egoista da tenerseli tutti dentro di sé. Così impegnata a vivere sotto una corazza di "sì sì" e di "tutto bene" per trovare il... [continua a leggere »]
        Composto domenica 9 dicembre 2012
        Vota il racconto: Commenta