Racconti di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvana Stremiz

Il Rosso non ti dona

Lucia è una ragazza di 28 anni, è mora con i capelli lunghi e lisci, un corpo da modella con tutte le curve al posto giusto. Ha gli occhi azzurri come il mare, la carnagione scura. Insomma bella da far impazzire, è intelligente, determinata e orgogliosa. Lucia lavora in una grande azienda... [continua a leggere »]
Silvana Stremiz
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Silvana Stremiz

    Mi chiedo...

    Ho vissuto periodi della mia vita, credendo in modo ossessivo in Dio. Oggi dopo aver guardato, visto ascoltato e sentito la vita scorrere dentro di me, e dentro ad altre persone a me vicine. Mi interrogo sulla sua esistenza.
    A me la vita ha dato molto davvero molto ho sentito la vita crescere...
    [continua a leggere »]
    Silvana Stremiz
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Silvana Stremiz

      Non è mai troppo Tardi

      Capitolo: 1
      Per anni Laura è stata tradita, ha accettato e sopportato forse per suo figlio o semplicemente perché non osava ribellarsi. Ma l'idea che suo figlio potesse fare lo stesso torto, a sua nuora era per lei inconcepibile.

      Da un po' di tempo Laura vedeva nel figlio lo stesso comportamento di suo...
      [continua a leggere »]
      Silvana Stremiz
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Silvana Stremiz

        Non è mai troppo Tardi

        Capitolo: 2
        Laura vagava per casa ammirando il perfetto ordine e la bravura della nuora. Suo figlio aveva sposato una gran brava ragazza e non se la meritava neppure. Si sedette sulla poltrona e notò sul comodino un libro di cuoio. Pensò a un ricettario, solo poco dopo comprese che si trattava del diario di... [continua a leggere »]
        Silvana Stremiz
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Silvana Stremiz

          Quando il troppo eccede

          Un giorno vidi Clara nel cortile canticchiare e scrivere filastrocche. Mi fermai incantata dalla sua bravura e dalla sua allegria.

          Mi complimentai con lei. Clara a sua volta mi riempì di complimenti, di sorrisi, ogni mio gesto fu per lei motivo di lode.

          Nacque così all'apparenza una grande...
          [continua a leggere »]
          Silvana Stremiz
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di