Racconti di Samuel Beckett

Scrittore, drammaturgo, poeta e sceneggiatore, nato venerdì 13 aprile 1906 a Foxrock, Dublino (Irlanda), morto venerdì 22 dicembre 1989 a Parigi (Francia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Poesie.

Scritto da: alterfr
Peggio di meno. Al limite dell'estensione. Peggio in mancanza di un miglior di meno. L'ottimo di meno. No. Il nulla l'ottimo. L'ottimo peggiore. No. Non l'ottimo peggiore. Il nulla non l'ottimo peggiore. Il meno ottimo peggiore. No. Il minimo. Il minimo ottimo peggiore. Il minimo non può mai... [continua a leggere »]
Samuel Beckett
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: alterfr
    Ancora. Dire ancora. Sia detto ancora. In qualche modo ancora. Finché non sia in nessun modo ancora. Detto in nessun modo ancora. Dire per sia detto. Sdetto. Da adesso dire per sia sdetto. Dire un corpo. In cui niente. Niente mente. Almeno questo. Un luogo. In cui niente. Per il corpo. Per... [continua a leggere »]
    Samuel Beckett
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: alterfr
      Forse, dopo tutto, ho vissuto senza saperlo (...) Non val più la pena di fare il processo alle parole. Non sono più vuote di ciò che veicolano (...) Com'è falso tutto questo. Non ho mai incontrato un mio simile. Adesso vi dirò la cosa più importante. Ricominciavo. Ma, a poco a poco, con un'altra... [continua a leggere »]
      Samuel Beckett
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: alterfr
        Ho chiesto alcuni movimenti alle gambe, ai piedi. Li conosco così bene che ho potuto sentire lo sforzo che facevano per obbedirmi. Ho vissuto insieme a loro quella piccola frazione di tempo in cui si consuma tutto un dramma, tra la ricezione del messaggio e la desolata risposta. [continua a leggere »]
        Samuel Beckett
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: alterfr
          Le persone e le cose non chiedono che di giocare, e anche taluni animali. La cosa cominciava bene, venivano tutti da me, contenti che si volesse giocare con loro (...) ma non tardai a ritrovarmi solo, senza luce. È per questo che ho rinunciato a voler giocare e ho fatto miei per sempre l'informe... [continua a leggere »]
          Samuel Beckett
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di