Scritto da: ROBERTO POZZI

L'eterno bambino

Non sto dormendo, non sono nemmeno certo dell'incoscienza della mia mente forse è solo un altro terrificante incubo regalato dall'ombra di Morfeo, invece di questi strani lamenti che continuo a udire, reali e talmente angoscianti che non riesco più a riaddormentarmi. Questi gemiti sono troppo... [continua a leggere »]
Roberto Pozzi
Composto lunedì 12 agosto 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: ROBERTO POZZI

    La caduta di un Dio

    Nel diroccato tempio dedicato all'amore, un superbo Dio, già cacciato dal paradiso per la sua inaudita arroganza, aveva ricommesso lo stesso diabolico errore, penosamente macchiando la miseria dell'umanità con lo sporco sangue dall'ultimo peccato: giocando senza scrupoli con i suoi magici poteri... [continua a leggere »]
    Roberto Pozzi
    Composto domenica 11 maggio 2014
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: ROBERTO POZZI

      La prima pagina del mio nuovo libro

      Che peccato il nuovo anno è da poco iniziato e l'anno che è appena finito, ma mi sembra già un lontano ricordo del nebuloso passato: un passato che non è affatto trascorso come mi aspettavo ma su cui contavo per essere felice! Malauguratamente, come il tempo che non ti sente, il presente non... [continua a leggere »]
      Roberto Pozzi
      Composto mercoledì 2 gennaio 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: ROBERTO POZZI

        Nell'oscurità

        Nell'oscurità di questa notte, cammino per le strade del centro di una città senza identità, cammino senza una meta, senza uno scopo, e senza alcuna risposta... al senso della vita! Cercando una piccola fuga dalla depressione che non mi concede un minimo di tregua, percorro le strade deserte che... [continua a leggere »]
        Roberto Pozzi
        Composto venerdì 16 maggio 2014
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: ROBERTO POZZI

          Nelle sue mani

          Un salto di fede, l'ultima cosa rimasta da compiere per salvarsi da tanta sofferenza. Il battito del cuore stava lentamente scomparendo nell'oscurità da dove era venuto. Un fiume di sangue sgorgava dal nudo corpo abbandonato al tragico destino, scandendo gli ultimi attimi di chi non voleva morire... [continua a leggere »]
          Roberto Pozzi
          Composto mercoledì 11 febbraio 2015
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di