Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Paul Mehis

Ode e ritratto a Mr. Morte.

Si sentiva un pittore; non che avesse compiuto delle grandi opere, tutt'altro, solo semplici ed innocenti dipinti, ma sanguinanti!
Il suo capolavoro di truculenza era in realtà rimasto incompiuto... aveva finito i colori ed il soggetto era oramai sbiadito, come lui, perché troppo tempo per...
[continua a leggere »]
Composto domenica 22 febbraio 2009
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Paul Mehis

    Requiescat in pace (R.I.P.)

    Ero immobile su quel lettino cromato e gelido come il ghiaccio...
    Una luce abbagliante mi frastornava...
    Riuscivo a intravedere il mio corpo nudo steso attraverso uno specchio posto sopra di me.
    L'ultimo mio ricordo era il mio portatile aperto sulla mia lussuosa scrivania mentre ero...
    [continua a leggere »]
    Composto venerdì 8 maggio 2009
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Paul Mehis

      Riunione familiare

      Quella casa... mi ossessionava tutte le volte che ci passavo vicino dovevo fermarmi ad osservarla.
      Era tetra ed allo stesso tempo affascinante, conoscevo di lei ogni crepa sulla facciata, i glicini spogli sembravano immobili anno dopo anno era ambigua.
      Era divisa in due parti perfettamente...
      [continua a leggere »]
      Composto domenica 22 febbraio 2009
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Paul Mehis

        Vita nella Morte

        Là in mezzo a quella distesa sconfinata simile ad una tavolozza di colori.
        Dove il sole regnava incontrastato mutando in ancora più rossi e orgogliosi i nobili papaveri.
        Dove la luce del firmamento irradiava tutto rendendolo misteriosamente affascinante, con le voci timide, ma fiere degli...
        [continua a leggere »]
        Composto venerdì 15 maggio 2009
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Paul Mehis

          Volùmen

          Mi venne voglia di fare una camminata nel bosco...
          Feci il primo tratto in auto, anche perché era pomeriggio inoltrato ed arrivai sino ai tavoli da campeggio con il barbecue.
          Proseguii a piedi verso il posto dove ero solito andare da piccolo con i miei, lo odiavo un tempo, ero costretto, ma ora...
          [continua a leggere »]
          Composto sabato 4 aprile 2009
          Vota il racconto: Commenta