Scritto da: Paul Mehis

L'autolavaggio

Si trovava li, nonostante l'orario assurdo, perché detestava l'auto sporca!
Non era per il mezzo in se, ma per l'odio nello sporcarsi, quando vi si appoggiava contro.
Era un luogo poco illuminato, ma anche quello più vicino.
Come al solito i lampioni stradali erano fottuti!
Quella condizione...
[continua a leggere »]
Paul Mehis
Composto domenica 22 febbraio 2009
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Paul Mehis

    L'entomologo

    Ero bloccato, immobilizzato, non riuscivo a muovere neanche un muscolo...
    Solamente a ruotare leggermente gli occhi, ma sopra a me solo un soffitto rosato con una lampada fluorescente che mi abbagliava...
    La persona accanto mi stava spogliando senza dire una parola...
    Non capivo e non...
    [continua a leggere »]
    Paul Mehis
    Composto mercoledì 15 aprile 2009
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Paul Mehis

      L'ombra di Paul

      Quella notte, mentre passeggiavo, subivo il fascino di quella fitta nebbia, del suono ovattato dei miei passi nel viale alberato e sinistro.
      La sensazione che le poche insegne luminose fossero distanti millenni...
      d'un tratto apparve quell'ombra dinanzi a me.
      Improvvisamente, tutto il mondo...
      [continua a leggere »]
      Paul Mehis
      Composto sabato 20 giugno 2009
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Paul Mehis

        La nascita di Paul

        Partirò dal mio passato remoto... credo circa vent'anni fa.
        Vi ricordate il commodore 64?
        Era uno dei primi "atrofizzatori di cervelli" da casa... quello che oggi è il Nintendo o la Play Station.
        Ricordo un solo gioco, uno dei primi, in cui ci si immedesimava in un omino, che aveva una...
        [continua a leggere »]
        Paul Mehis
        Composto venerdì 9 gennaio 2009
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Paul Mehis

          Memorie di Plissken

          Ora ero li...
          Sapevo di avere ben poche possibilità di uscirne, ma tutta la mia vita, era stata un percorso per arrivarci.
          Provai, un tempo, a cambiarla, ma non era il mio destino...
          Non mi sarei battuto per i loro interessi, solo per sopravvivere.
          Non ero ne corretto, ne leale, per loro, ma...
          [continua a leggere »]
          Paul Mehis
          Composto sabato 28 marzo 2009
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di