Racconti di Norberto Lafferma

Musicista e consulente in autobiografia, nato venerdì 10 dicembre 1948 a Locarno (Svizzera)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Poesie.

Scritto da: Norberto Lafferma

Il pensiero d'oro

Erano da poco passate le sette e ormai la notte si era impadronita della campagna innevata. Giulio, come ogni sera, osservava le due o tre luci lontane, immaginando i conversari dei conoscenti che sicuramente erano ancora a tavola. Gli piaceva pensare al tepore che avvolgeva come una coperta... [continua a leggere »]
Norberto Lafferma
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Norberto Lafferma

    L'ultima parola

    Nella penombra di una stanza anonima Maria osserva i pochi oggetti che riesce a malapena a distinguere anche perché una strana nebbia le impedisce di dar loro immediatamente un nome.
    Vicino alla finestra, un piccolo lavandino, bianco, come tutto il resto, gocciola scandendo i secondi e...
    [continua a leggere »]
    Norberto Lafferma
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Norberto Lafferma

      La leggenda dei pesci-bambino

      Da sempre, il laghetto che, come uno specchio, rifletteva l'immagine capovolta delle montagne circostanti, era considerato dagli abitanti del villaggio come un luogo, bello sì, ma assolutamente da evitare.
      Tanto incantevole poteva sembrare con le sue acque limpide e assolutamente tranquille...
      [continua a leggere »]
      Norberto Lafferma
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Norberto Lafferma

        Le scarpine blu

        Era una sera d'ottobre e i raggi del sole, obliqui, proiettavano a distanza le lunghe ombre degli abeti che da sempre popolano il bosco di Orlato. Alcuni sono lì anche da cinquant'anni o più, mentre altri, ancora giovani e prestanti, cercano un proprio spazio e a colpi di gomito (che nessuno... [continua a leggere »]
        Norberto Lafferma
        Composto nel 2006
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Norberto Lafferma

          Un anno ancora

          Da qualche tempo sentiva strani discorsi secondo i quali occorreva abbatterlo. Lui, pesco di famiglia nobile e di età veneranda, doveva essere tagliato di netto, trasformato in una catasta di legna pronta per il camino e poi ridotto in cenere, dopo un ultimo bagliore caldo e colorato.
          È vero che...
          [continua a leggere »]
          Norberto Lafferma
          Composto mercoledì 30 novembre 2005
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di