Racconti di Marilena Aiello

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Marilena Aiello
L'ordine dà pace. L'esecuzione ritmica e ripetitiva di alcuni movimenti, ci aiuta ad ancorare una piccola parte della nostra mente a quella attività, più o meno ludica o utile, e il resto del nostro pensiero si allontana prima lentamente, poi correndo, poi spicca il volo e si separa dalla... [continua a leggere »]
Marilena Aiello
Composto giovedì 16 maggio 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Marilena Aiello
    Le cose che non dureranno hanno un sapore dolciastro che dà dipendenza, un odore di antico e di improbabile, un gusto di azzardo folle e danno il brivido della precarietà, ti fanno sentire vivo instillando nel cuore un ritmo instabile che cerca una musica simile, musica che non esiste perché del... [continua a leggere »]
    Marilena Aiello
    Composto martedì 28 maggio 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Marilena Aiello
      Tra loro passava il vento, nascevano storie d'amore, crescevano bambini. Ogni anno sulla collina vellutata fioriva la primavera e le stesse foglie nuove cadevano poi in autunno, tappeto croccante di stelle color ruggine. Lontani da non potersi toccare, abbastanza vicini per potersi amare... [continua a leggere »]
      Marilena Aiello
      Composto martedì 2 aprile 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Marilena Aiello
        Ecco, io ora, questo bigliettino, lo lascio qui.
        Qui, su questa cassapanca che sembra antica, ma non lo è. Non ci si siede mai nessuno, non si sa dentro cosa c'è.
        Tutti appendono qualcosa alla parete e neanche la notano, se non quel tanto per non sbatterci contro le ginocchia. Appendono giacche...
        [continua a leggere »]
        Marilena Aiello
        Composto lunedì 13 agosto 2012
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Marilena Aiello
          Succede alle persone che non sono mai toccate: scompaiono.
          Nasce dunque l'esigenza di trovarsi tra la folla perché anche quello stesso "capovolgimento del timore di essere toccati" di cui parla Elias Canetti, diventa desiderio di essere spintonati, urtati, spostati, pressati. Non si tratta di un...
          [continua a leggere »]
          Marilena Aiello
          Composto venerdì 4 maggio 2012
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di