Racconti di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Mariella Buscemi

Il bambino della Luna

I cristallini mi zampillano avanti e indietro.
I mattoni traballano come fossero tappeti volanti.

Salve, mi chiamo "tutt'intorno", anzi, "Tutt'Intorno", ché mi han detto che nome e cognome van scritti grandi.
Mi chiamo Tutt'Intorno perché giro e mi rigiro le cose tra le mani e io stesso ruoto...
[continua a leggere »]
Mariella Buscemi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Mariella Buscemi

    Il suo infinito era colore

    Quando si sentiva precipitata, sola, sbagliata, scura. Quando il cielo perdeva la sua altezza e tramortiva in un tetto fatto di ragnatele. Quando l'aria si saturava e le notti inseguivano i mattini e quando spioveva, ma l'arcobaleno era nero. In tutte queste occasioni, si rifugiava in soffitta... [continua a leggere »]
    Mariella Buscemi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Mariella Buscemi

      La tradiscono gli occhi

      Vedi tutto di lei, a colpo d'occhio.
      Una camminata sempre un po' troppo frettolosa, una cura non eccessiva per l'abbigliamento, ma un'immancabile particolare che non si capisce bene se sia lei a portarselo in giro o sia questo a portarsi in giro lei. Si direbbe che esca di casa senza provare la...
      [continua a leggere »]
      Mariella Buscemi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Mariella Buscemi

        Matematica, natura, emozioni

        Ed è come se il mio cuore fosse un atomo poggiato sulle lenti cristalline di un microscopio universale. Ritrovo pace sul bagnasciuga delle masse oceaniche, al confine con l'orizzonte, a ridosso del cielo.
        Quando dentro è buio, è così che mi ritrovo, Ciaula che riscopre luna ed immenso...
        [continua a leggere »]
        Mariella Buscemi
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Mariella Buscemi

          Metamondo

          Quando si sentiva precipitata, sola, sbagliata, scura. Quando il cielo perdeva la sua altezza e tramortiva in un tetto fatto di ragnatele. Quando l'aria si saturava e le notti inseguivano i mattini e quando spioveva, ma l'arcobaleno era nero. In tutte queste occasioni, si rifugiava in soffitta... [continua a leggere »]
          Mariella Buscemi
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di