Racconti di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Mariella Buscemi

Cento

Con questo nasino arricciato, queste piccole grinze piene di carattere, queste piegoline che uniscono setto e sopracciglia, folte queste ultime, delineate e marcate a fare ombra a due pezzi grandi di vetro e, forse, riesce a vedere attraverso questi proprio perché di vetro ed il vetro è... [continua a leggere »]
Mariella Buscemi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Mariella Buscemi

    Come un nodo

    Io che non avevo mai, fino ad allora, fatto i conti con "cosa sarebbe stato perdere anche te". Tu che sei stata mamma di mamma. Lei che è mancata a te come la carne agli animali che vengono scuoiati al macello, ma che hai fatto finta di nulla, e non so con quanta dignità dentro a quel metro e... [continua a leggere »]
    Mariella Buscemi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Mariella Buscemi

      Fra parecchi anni

      Adoro i tramonti di fine estate; un Dio pittore con una tavolozza variopinta rallegra lo squarcio di cielo quasi-serale, serafico, che si staglia al di sopra dei tetti dei miei vicini. Sono rannicchiata qui, sulla mia amata sedia in vimini, a godermi la frescura e lo scroscio ritmico del getto d... [continua a leggere »]
      Mariella Buscemi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Mariella Buscemi

        Giulio e Lara

        Si sforzò di guardare con più attenzione fuori dalla finestra. Era diventato tutto grigio o i vetri erano troppo sporchi ed appannavano la visuale? E si trovò a riflettere sul fatto che anche i nostri occhi funzionano, più o meno, allo stesso modo; se l'anima è sporca, si proietta fuori il... [continua a leggere »]
        Mariella Buscemi
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Mariella Buscemi

          Ha preso tutto da me!

          Fischietto sempre quando sono impegnato a fare qualcosa. Anche quel pomeriggio, appollaiato su un'improbabile scala a forbice, in tenuta da lavoro, spruzzato da colori di ogni tonalità, tamponavo con una spugna l'azzurro su una parete della stanzetta per dar vita ad un "effetto-nuvola", come l... [continua a leggere »]
          Mariella Buscemi
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di