Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Marco Giannetti

Impiegato, nato venerdì 20 ottobre 1961 a Galluccio (CE) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Marco Giannetti
Quel giorno sul letto, al tuo fianco, facevo finta di dormire, avevo paura di addormentarmi e perdere la promessa che mi avevi fatto di portarmi con te in campagna per riempire d'acqua i solchi del tuo orto. Quanto tempo è passato. Avevo cinque anni e incominciavo a vivere di piccole emozioni... [continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Marco Giannetti

    declivi di monti

    Declivi di monti si adagiano su pendii di vallate allargate sotto un sole schietto che le illumina di riflessi iridescenti, mentre si specchiano nel ruscello sottostante dove coni d'ombra e luce si incrociano fino a confondersi nelle raspose petraie che delineano gli argini. Parevano così... [continua a leggere »]
    Composto martedì 23 luglio 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Marco Giannetti

      Gabbiano

      Avevo 17 anni quando ti ho conosciuta, bella, solare nel corpo e nella mente... c'era un'isola che ti stava stretta a dividere le distanze dei tuoi desideri... mi hai offerto la tua amicizia e io, l'ho raccolta con grande piacere. Mi hai ospitato nella tua bella casa, sulla quale volavano... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Marco Giannetti

        Il mio paese

        Sarà che sono nato tra castagni, ciliegi e ulivi.
        Sarà che la terra era fertile, o che i vulcani spenti hanno passato a me la forza di una nuova vita.
        Sono cresciuto nella terra, lavorando sodo,
        poggiando la mia stanchezza su tronchi di castagno senza frutto e ora che i ciliegi non hanno più...
        [continua a leggere »]
        Composto martedì 29 maggio 2012
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Marco Giannetti

          Il passante e il cieco

          Un giorno, un uomo non vedente stava seduto sui gradini di un edificio con un cappello ai suoi piedi per raccogliere le offerte e un cartello con la scritta "Sono cieco, aiutatemi per favore". Un uomo che passeggiava per quella strada si fermò e notò che aveva solo pochi centesimi in quel... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta